Visualizza articoli per tag: bicicletta

Venerdì, 17 Gennaio 2014 07:52

Groninga. Citta' delle biciclette (VIDEO)

A Groninga (nel nord dei Paesi Bassi, 190mila abitanti) il 50 per cento degli spostamenti in città avviene in bicicletta, al punto da essere nominata la Città Ciclabile per eccellenza in Olanda, è sicuramente in bicicletta
A partire dagli anni settanta l'amministrazione cittadina ha realizzato una serie di progetti che hanno scoraggiato l'uso dell'auto a favore della bici. Il risultato è che oggi a Groninga ci sono 75mila macchine e circa 300mila biciclette. La bicicletta a Groninga è il mezzo di trasporto più pratico per andare al lavoro, a scuola, all'università o a fare acquisti in centro. Grazie a oltre 145 km di piste ciclabili che scorrono lungo tutte le arterie del traffico, Groninga è a ragione una città importante per i ciclisti.
"Le aziende devono incoraggiare i loro dipendenti a non usare la macchina e ci sono vari modi per farlo: possono mettere dei parcheggi coperti per le bici, delle docce oppure degli armadietti. Alcune offrono abbonamenti al trasporto pubblico o dei bonus per chi non usa la macchina. L'ideale, però, è rendere difficile parcheggiare", spiega il professor Greg J. Ashworth dell'università di Groninga in questo video realizzato da Streetfilms, che produce documentari sul trasporto sostenibile.


Fonte: www.internazionale.it

Pubblicato in IN EVIDENZA

Le biciclette sono il mezzo di trasporto privilegiato nelle realtà rurali dell'India: le attività lavorative, spesso erranti fra villaggi diversi, sono direttamente influenzate dalla capacità di spostamento delle persone e, in questo, più si è fisicamente forti, più si è in grado di guadagnare. Per chi fa il medico o il piccolo commerciante, spostarsi vuole dire raggiungere clienti: più ci si può spostare e più clienti si possono servire. Per chi fa fatica a mettere assieme un centinaio di dollari all'anno, una bici o uno scooter elettrico possono rappresentare un salto di qualità notevole.
"Non c'è nessuna idea di riscaldamento globale o protezione dell'ambiente in loro – dice il responsabile di un produttore di EV indiano – ciò che interessa dei veicoli elettrici è che aiutano a guadagnare di più e fanno spostare più facilmente nelle campagne, dove l'auto privata non ce l'ha nessuno".
In alcune aree il ritmo di vendita per le due ruote elettriche è salito sino alle 600 unità al mese, non male rispetto alle 2,500 auto elettriche vendute in tutta l'India da Mahindra dal 1990 ad oggi. La stessa SMEV (Society of Manufacturers of Electric Vehicles) riporta il passaggio dalle 40,000 unità di scooter elettrici del 2009 alle oltre 100,000 del 2011: ragioni dominanti sono il prezzo, più basso di una moto tradizionale, e il costo ogni km percorso, circa un terzo di un due ruote a carburante.
Certo, la strada per un cambiamento globale del mercato dei trasporti del gigantesco Paese asiatico è ancora lunga e disseminata di ostacoli: gli scooter elettrici costano comunque tanto per chi è nel vortice della povertà e le banche non si fidano a prestare loro soldi perché si tratta di veicoli che in India non richiedono immatricolazione e patente, dando quindi poche garanzie di rintracciabilità.

Fonte: veicolielettricinews.it

Pubblicato in IN EVIDENZA
Mercoledì, 15 Gennaio 2014 07:08

Vento. L’Italia in bicicletta lungo il fiume Po

Il documentario "Vento. L'Italia in bicicletta lungo il fiume Po", un diario di viaggio di Paolo Casalis, Pino Pace e Stefano Scarafia, è uscito ufficialmente l'8 gennaio. Il doc racconta gli otto giorni necessari a cinque progettisti per attraversare l'Italia in bicicletta seguendo il corso del fiume Po, da Torino a Venezia. I protagonisti di questa affascinante passeggiata sono Paolo Pileri, Diana Giudici, Alessandro Giacomel, Chiara Catarozzolo e Ercole Giammarco, che hanno percorso i 630 km (in otto giorni e 15 tappe) per dimostrare la fattibilità di quella che potrebbe essere la ciclabile più lunga d'Italia e una delle più lunghe d'Europa, un progetto che significherebbe migliaia di nuovi posti di lavoro, green economy, sviluppo sostenibile, al costo di soli 2 km di autostrada.
Un viaggio dalle Alpi all'Adriatico attraverso quattro regioni e lungo tutta la Pianura Padana, che diventa l'occasione per raccontare un pezzo d'Italia da una prospettiva inedita. Un viaggio dalle Alpi all’Adriatico attraverso quattro regioni e lungo tutta la Pianura Padana, che diventa l’occasione per raccontare un pezzo d’Italia da una prospettiva inedita. Un road movie su due ruote tra città d’arte, paesaggi e persone profondamente cambiati in questi ultimi 50 anni. Per chi volesse avventurarsi in questo road movie su due ruote il documentario è già disponibile in DVD o via streaming.

info

Fonte: http://filmvento.wordpress.com/

Pubblicato in IN EVIDENZA
Martedì, 14 Gennaio 2014 12:44

Strasburgo. La bici come ricetta per la salute

Il Vice Presidente della Comunità Urbana di Strasburgo Alexandre Feltz, ha recentemente raccontato al blog "I Bike Strasbourg" i risultati dell'iniziativa Sport-santé sur ordonnance à Strasbourg" (lo sport come ricetta per la salute a Strasburgo), promosso nel 2013 a Strasburgo, capoluogo dell'Alsazia francese.
Il progetto, che coinvolgeva i medici di famiglia, incentivava i medici a prescrivere delle ore di bicicletta come "medicina" per i loro pazienti. In 9 mesi, sono stati coinvolti 250 pazienti, cifra abbastanza rilevante se si pensa che rappresenta l'un per mille della intera popolazione di Strasburgo.
I pazienti che potevano trarre benefici dall'attività fisica venivano indirizzati verso un personal trainer. Quest'ultimo insieme al paziente definivano un'attività sportiva da compiere e un programma di allenamento (la consulenza dell'educatore sportivo è gratuita grazie ai finanziamenti pubblici). L'attività sportiva d'elezione è la bici, in quanto – come ricorda il dottor Feltz – permette di fare sforzi molto progressivi e graduali, salvaguardando le articolazioni; viene consigliato un ritmo abbastanza blando, al quale si possa parlare tranquillamente. L'inquadramento in un contesto ufficiale e regolamentato fa sì che i pazienti rispettino effettivamente il programma d'allenamento, evitando il tipico problema dell'abbandono dell'attività fisica da parte di chi ha forte entusiasmo iniziale, ma poca costanza.
Infatti le due ruote sono lo svago ideale che consente a chiunque di rimanere in ottima salute senza dover per forza sottoporsi a massacranti allenamenti. Il nostro organismo comincia a bruciare i grassi dopo circa 20-25 minuti di attività fisica. Le calorie bruciate dipendono dall'intensità della pedalata, dalla lunghezza e dalla difficoltà del percorso. Ad un buon ritmo si bruciano circa 400 calorie all'ora.

Fonte: www.bikeitalia.it

Pubblicato in IN EVIDENZA

Partono i lavori a Londra per la realizzazione di SkyCycle, la prima pista ciclabile sopraelevata, che collegherà tutti i punti principali della capitale. Il progetto SkyCycle permetterà ai ciclisti di "volare" su tre livelli con numerosi accessi alla pista, senza intralciare il traffico dei mezzi urbani. Il sindaco Boris Johnson, ai primi di gennaio, ha dato il via ai lavori per la prima tratta, che collegherebbe Liverpool Street con l'East London. Il progetto consiste in 210 chilometri di percorso che si allaccerà alle infrastrutture ferroviarie a zero consumo di suolo.
Ciascuna delle dieci rotte potrà ospitare fino a 12mila ciclisti all'ora e migliorare i tempi di percorrenza fino a 29 minuti, secondo i progettisti.
Lord Foster sottolinea che il ciclismo è una delle sue più grandi passioni e descrive il progetto come «un approccio laterale per risolvere il problema del traffico in una città congestionata». La rete si propone di coprire un bacino di utenza di sei milioni di persone, la metà dei quali vivono e lavorano a 10 minuti da uno degli ingressi al sistema di piste ciclabili. Ma le sue ambizioni si estendono oltre la sola Londra. "Il sogno è che si potrebbe esportare il modello anche a Parigi, sopra la Gare du Nord", dice Sam Martin di Exterior Architecture.
Il progetto, sarà curato dagli studi di Exterior Architecture, Foster&Partners e Space Syntax e una volta realizzato permetterà ad oltre 6 milioni di londinesi di recarsi al lavoro in bicicletta. Il pedaggio sarà a pagamento ma il prezzo sarà inferiore alla metà del costo del biglietto metro o bus.
Per quanto riguarda gli accessi, la proposta vedrebbe l'installazione di piattaforme verticali accanto alle stazioni ferroviarie già esistenti, come delle rampe. La struttura potrebbe anche essere una fonte di creazione di energia, supportando pannelli solari e di raccolta di acqua piovana.
Fonte: www.ilsole24ore.com

Pubblicato in IN EVIDENZA

La combinazione di bike + bakery ha dato vita a un locale, situata in via Cagliari 18 a Torino, dov'è possibile rilassarsi nelle giornate in cui si è in compagnia della bicicletta.
Ideatori di questo progetto sono 3 giovanissimi e appassionati, Andrea, Arianna e Daniele, i quali quotidianamente si cimentano nell'impresa di preparare buoni piatti in una sala e di riparare, abbellire e personalizzare bici, nell'altra.
Arianna Lia, 27 anni, laureata in Lettere Moderne, ha lavorato come cameriera e barista e per diversi anni ha fatto la dj. È lei che cucina, e ha imparato a farlo da sola e con le amiche (la ricetta dei cookies è della sua amica australiana Katie).
Daniele Gennaccaro, 25 anni, ha lavorato come barista e traduttore e ha sempre avuto la passione per le bici, gestendo per anni un'officina di biciclette con degli amici a livello amatoriale.
Andrea Laurini, 28 anni, laureato in Scienze della Comunicazione, lavora da circa dieci anni nella pizzeria di famiglia.
Il locale ha due ingressi diversi, che collegano due mondi lontani che finiscono per compenetrarsi, a partire dal menù: tra tè, torte salate e cup cake si trovano i prezzi di copertoni, regolazione del cambio e dei freni, tutto in uno.
Un luogo in cui tra la cura e il piacere del fare bene sono disseminate sorprese e storie, dal tavolo dove sotto il tuo gomito ti accorgi esserci incisa una filastrocca di Rodari, agli eccentrici sgabelli monolitici disegnati e realizzati dal papà di Daniele. Dietro la libreria tematica vedi spuntare la pinna blu di uno squalo-delfino dai cui denti sbucano fili di caricabatterie messi a tua disposizione, e tra gli accessori per le bici esposti alle pareti scorgi manifesti e fotografie in bianco e nero reperiti nei mercatini più disparati.
E mentre fai colazione leggi un libro, ricarichi il telefono e già che ci sei fai riparare quella lucina che sono mesi che non funziona.
Ci vuole poco a essere categorizzato come hipster se sei un gruppo di ragazzi che apre un locale che ha la parola "bike" nel nome: utilizzare la bici per i propri spostamenti viene vista come una sorta di deresponsabilizzazione nei confronti del tempo produttivo, quello di chi corre con macchine potenti e lavora sodo. Il resto sono giovani che possono permettersi di andare lentamente, mangiando ciò che li mantiene leggeri.

Fonte: www.torinobygnam.it

Pubblicato in IN EVIDENZA
Venerdì, 10 Gennaio 2014 10:36

UMBRIA MARATHON 2014. APERTE LE ISCRIZIONI

Dopo molta attesa si aprono finalmente le iscrizioni per la stagione 2014 dell'Umbria Marathon, il prestigioso circuito MTB umbro, che anche quest'anno si preannuncia ricco di novità, ma anche di gradite conferme.
Si partirà il 23 marzo dalla città della Rupe, Orvieto, con l'Orvieto Wine Marathon, organizzata dal Team Eurobici Orvieto, per poi spostarsi il 25 aprile nella splendida Baschi, in casa dell'AVIS Baschi. Appena due settimane di stop e sarà la medievale Nocera Umbra, con la sua Gran Fondo delle Sorgenti dell'11 maggio, ad ospitare la nutrita moltitudine di biker, che si ritroveranno poi l'8 giugno a Costacciaro, antico castello difensivo ed ora cuore del parco del Monte Cucco, per disputare appunto la Gran Fondo Monte Cucco. La tappa finale è prevista, invece, nell'antica città romana di Massa Martana con la Martani Superbike del 29 giugno.
L'abbonamento sarà diviso in due tranche: la prima di 70 Euro entro il 22 febbraio per poi passare ad 80 Euro entro il termine ultimo del 23 marzo 2014. A tutti gli abbonati in regalo un simpatico gadget Umbria Marathon e l'accesso garantito in prima griglia a tutte le gare.
Il montepremi finale sarà di € 2.000,00 per le prime 10 società a punteggio.
Fonte:orvietosi.it

Pubblicato in IN EVIDENZA
Venerdì, 10 Gennaio 2014 10:33

Italia. Bike shopping, 1 su 3 sceglie la bici

Andare a fare compere o shopping, è una di quelle azioni che  tutti nella vita si trovano a compiere spesso. In effetti, è stato calcolato che, di tutti gli spostamenti che avvengono in una città, quelli per andare a fare compere costituiscono più di un terzo del totale, una percentuale decisamente rilevante. Inoltre, la maggioranza di questi trasferimenti avviene all'interno di un'area solitamente circoscritta. Uno studio promosso da Beltè, attraverso 1000 interviste telefoniche su un campione casuale di persone che usano la bici, in età tra i 18-65 anni, per verificare le abitudini e le caratteristiche degli italiani che vanno in bicicletta. Infatti il 35% degli italiani utilizza la bici principalmente per andare a fare la spesa. Un'abitudine che accomuna sia gli uomini che le donne, e che caratterizza principalmente gli abitanti del Centro Italia (37%). Attraverso 1000 interviste telefoniche su un campione casuale di persone che usano la bici, in età tra i 18-65 anni, per verificare le abitudini e le caratteristiche degli italiani che vanno in bicicletta. Chi sono gli amanti del "bike shopping"? Sia gli uomini (36%) che le donne (37%) amano andare in giro in bicicletta per i loro acquisti, distanziandosi di un solo punto percentuale. A quale fascia d'eta' appartengono? La maggioranza (42%) va dai 25 ai 35 anni, seguiti dalla classe d'eta' 56-65 (40%) e da coloro che hanno meno di 25 anni (37%). A quale professione appartengono? Scelgono di fare la spesa in bici principalmente dirigenti, insegnanti, liberi professionisti (38%), seguiti da studenti, casalinghe e pensionati (37%), e artigiani, commercianti, lavoratori autonomi (34%). In quali zone d'Italia e' maggiormente diffusa l'abitudine di andare a fare la spesa in bici?
Troviamo gli amanti del "bike shopping" soprattutto al Centro Italia (37%), seguiti dagli abitanti del Sud (36%), quindi da quelli del Nord Ovest (35%) e del Nord Est (34%). Quanti chilometri percorrono? Ben 7 italiani su 10 (70%) arrivano a percorrere fino a 5 km. Una percentuale che sale fino al 75% prendendo in considerazione soltanto i laureati e i liberi professionisti. Il 19% degli intervistati percorre dai 5 ai 10 km, mentre il 7% si attesta in media tra i 10 e i 15 km.
Fonte: www.adnkronos.com

Pubblicato in IN EVIDENZA

Sarà Bologna, la città delle due torri, ad ospitare la giornata nazionale "Bici senza frontiere": sabato 8 febbraio i ciclisti di tutt'Italia si daranno appuntamento in piazza Maggiore. L'evento è creato dall'associazione #salvaciclisti, a due anni dalla sua nascita.
Ogni città formerà una squadra che sfiderà le altre in duelli "all'ultima bici" su un terreno di gioco su cui sono allestiti percorsi urbani. Ogni città può dare sfoggio dei suoi migliori pedalatori con ogni tipo di ciclista quotidiano, da zero a 99 anni. E come in ogni competizione che si rispetti, ci saranno prove da superare per testare la propria abilità ciclistica.
"Bici senza frontiere" consiste in una gara in 4 prove in cui una squadra di ciclisti urbani gareggerà in bicicletta affrontando prove come portare da casa a scuola quattro bambini nel minor tempo possibile, rispondere correttamente a dei quiz, completare il percorso casa-lavoro il più in fretta possibile. Ogni squadra può contare un minimo di 9 partecipanti a un massimo di 20 (9 per la prima prova, 4 per la seconda e 7 per la terza). Le prove saranno coordinate da un capitano e contraddistinte da un particolare come una divisa o un accessorio comune.
Più che una gara vera e propria è uno spettacolo spontaneo e aperto a tutti; per iscriversi è sufficiente consultare il sito http://bicisenzafrontiere.it/.
Domenica 9 ci sarà una riunione per discutere sulle esperienze di cicloattivismo fatte in questi due anni nelle realtà locali e programmare gli impegni futuri.

Fonte: bicisenzafrontiere.it

Pubblicato in IN EVIDENZA
Giovedì, 09 Gennaio 2014 10:00

Londra. Bambini in bici e progetti educativi

Fin dal 2006 Sustrans collabora con alcune scuole londinesi, organizzando una serie di attività sotto l'etichetta "Bike It" per promuovere l'uso della bici da parte dei bambini che si recano a scuola. Ad ogni scuola viene assegnato un "Bike It officer", un volontario della Sustrans che si impegna per alcune settimane a collaborare con la scuola. Il volontario studia i percorsi più adatti per raggiungere la scuola in bici; insegna ai bambini le tecniche per muoversi con sicurezza in bici in un ambiente urbano; cerca in generale di far capire che andare in bici a scuola può essere divertente e sicuro. Importante è anche il contatto con i genitori dei bambini, che sono quelli che decidono se lasciare il proprio figlio o figlia pedalare verso la scuola o no. In totale, i volontari di Sustrans hanno lavorato in 250 scuole primarie e secondarie londinesi, sparse in 23 circoscrizioni diverse.
I risultati, come si accennava, sembrano essere decisamente positivi. L'ultimo sondaggio mostra che nell'ultimo anno la percentuale di bambini che non si recano mai a scuola in bici è scesa dall'83 al 67%. I bambini che affermano di usare la bici anche in altre occasioni durante la giornata, oltre al viaggio casa-scuola-casa, è salita dal 26 al 32%. In media, la percentuale di bambini che usano regolarmente la bici per recarsi a scuola è raddoppiata. Questa media però nasconde molte differenze: come si evince dalla tabella sottostante, in alcune zone l'uso della bici è aumentato enormemente (ad esempio Greenwich, dove si è passati dal 4,9 al 36,4%), mentre in altre l'incremento è stato molto più contenuto (Ealing).
Questi risultati non possono che sottolineare l'importanza di iniziative come i vari "Bike to School Days" che si stanno diffondendo anche da noi. E' importante sottolineare però che i risultati del programma londinese "Bike It" siano stati raggiunti grazie a uno sforzo congiunto e strutturato da parte di Sustrans, le scuole, i genitori, e naturalmente i bambini, e in un contesto, come quello londinese, in cui l'uso della bici è in generale in aumento.
Fonte: Paolo Volpato da Bikeitalia.it www.bikebiz.com

Pubblicato in IN EVIDENZA
Pagina 1 di 12

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie e la scomparsa di questo banner.