Lunedì, 03 Dicembre 2012 12:12

Zone 30 in citta' per la sicurezza di ciclisti e pedoni

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'International Transport Forum (ITF), cioè il più autorevole gruppo di esperti di politiche del trasporto a livello internazionale, raccomanda alle città di istituire misure di moderazione del traffico e Zone 30

 

Il rapporto, che prende in esame come migliorare la sicurezza dei pedoni, è stato preparato da un gruppo di lavoro di esperti del trasporto e da urbanisti provenienti da 19 paesi.

Secondo la ricerca, riducendo la velocità da 50 km/h fino a 30 km/h si potrebbe ridurre il rischio di morte dei pedoni dell'80%. Si indicano quindi velocità più basse come la chiave per migliorare la sicurezza dei pedoni.

"I pedoni sono tra gli utenti della strada più vulnerabili" spiega Véronique Feypell de la Beaumell, esperta ITF di sicurezza stradale.

Si stima che i pedoni costituiscano un terzo dei morti per incidenti stradali a livello mondiale, con oltre 400.000 decessi registrati ogni anno.

"E 'diventato veramente difficile, soprattutto per le persone anziane e i bambini, fronteggiare le complesse ed ostili condizioni del traffico che caratterizzano le città", aggiunge la Beaumell.

Altre raccomandazioni formulate nella relazione suggeriscono la creazione di incentivi per i dipendenti che si recano al lavoro a piedi e o in bicicletta, sviluppando aree libere dal traffico e dando più spazio al traffico non motorizzato nei centri urbani.

Secondo l'esperto di mobilità urbana dell'ECF, Martti Tulenheimo, l'attuazione di Zone 30 potrebbe aumentare drasticamente il numero di persone che si muove in bicicletta.

"Le Zone 30 possono possono svolgere un ruolo importante in una città ciclabile. Se vengono create come parte integrante della rete ciclabile, rendono più sicuro l'uso della bicicletta e aumentano la percezione di sicurezza dei ciclisti. Se le persone si sentono sicure, andranno in bici più spesso", spiega Tulenheimo.

E aggiunge: "In fin dei conti, non è questione di andare in bici o a piedi. Si tratta di riuscire a vivere e respirare in città dove non ci si deve sentire minacciati dal traffico. Tutte le città dovrebbero essere fatte per le persone".

Il rapporto si basa anche su una una raccomandazione ufficiale del Parlamento Europeo di creare Zone 30 Km/h in tutte le aree urbane e residenziali dell'Europa.

Una copia del rapporto la trovate qui (PDF) oppure qui

Articolo di Julian Ferguson, Communications Officer di ECF (European Cyclists' Federation), la Federazione Europea dei Ciclisti di cui FIAB fa parte.

L'articolo originale in inglese qui.

 

Fonte: fiab-onlus

Letto 3220 volte

Potrebbero interessarti anche

  • I fai-da-te del 30 km/h

    Una curiosa iniziativa nella notte tra il 30 settembre e l’1 ottobre, ha caratterizzato le città di Roma, Firenze, Torino e Trieste. Alcuni “sostenitori attivi” del limite di velocità di 30 km/ sono piombati in centro armati di pennelli, vernice e bombolette spray, per disegnare sull’asfalto il limite di velocità, che vorrebbero venisse inserito tra le modifiche del nuovo codice della strada.

  • Pedala Consumando Kalorie con i consigli dell’esperto

    Sta per arrivare l’estate e con lei i soliti dilemmi sulla forma fisica da sfoggiare al mare! Seguite i suggerimenti di un “Appassionato del Benessere Fisico” che dopo svariati anni e tentativi di pratica sportiva ha compreso come pedalando per due ore al giorno con un’andatura blanda ci si può tenere in forma ottenendo perfino risultati strepitosi!

  • Strasburgo. La bici come ricetta per la salute

    Il Vice Presidente della Comunità Urbana di Strasburgo Alexandre Feltz, ha recentemente raccontato al blog "I Bike Strasbourg" i risultati dell'iniziativa Sport-santé sur ordonnance à Strasbourg" (lo sport come ricetta per la salute a Strasburgo), promosso nel 2013 a Strasburgo, capoluogo dell'Alsazia francese.
    Il progetto, che coinvolgeva i medici di famiglia, incentivava i medici a prescrivere delle ore di bicicletta come "medicina" per i loro pazienti. In 9 mesi, sono stati coinvolti 250 pazienti, cifra abbastanza rilevante se si pensa che rappresenta l'un per mille della intera popolazione di Strasburgo.
    I pazienti che potevano trarre benefici dall'attività fisica venivano indirizzati verso un personal trainer. Quest'ultimo insieme al paziente definivano un'attività sportiva da compiere e un programma di allenamento (la consulenza dell'educatore sportivo è gratuita grazie ai finanziamenti pubblici). L'attività sportiva d'elezione è la bici, in quanto – come ricorda il dottor Feltz – permette di fare sforzi molto progressivi e graduali, salvaguardando le articolazioni; viene consigliato un ritmo abbastanza blando, al quale si possa parlare tranquillamente. L'inquadramento in un contesto ufficiale e regolamentato fa sì che i pazienti rispettino effettivamente il programma d'allenamento, evitando il tipico problema dell'abbandono dell'attività fisica da parte di chi ha forte entusiasmo iniziale, ma poca costanza.
    Infatti le due ruote sono lo svago ideale che consente a chiunque di rimanere in ottima salute senza dover per forza sottoporsi a massacranti allenamenti. Il nostro organismo comincia a bruciare i grassi dopo circa 20-25 minuti di attività fisica. Le calorie bruciate dipendono dall'intensità della pedalata, dalla lunghezza e dalla difficoltà del percorso. Ad un buon ritmo si bruciano circa 400 calorie all'ora.

    Fonte: www.bikeitalia.it

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.