Venerdì, 05 Luglio 2013 08:50

Un itinerario sulle orme del Capitano De Albertis. Un percorso tra borghi medievali e colline

Vota questo articolo
(0 Voti)

"Partire. Come partiva il Capitano D´Albertis. Per avventure oltre il mondo, o piccole scommesse con se stesso, assetato di vite lontane, a raccogliere emozioni da riportare a casa. Immagini in bianco e nero, testimoni di un sangue che pompa nelle vene uguale ad oggi. Che differenza fa un grosso velocipede o una piccola bicicletta pieghevole?" (Alessandro Zeggio)
Alessandro, che qualche mese fa aveva visitato il Museo delle Culture del Mondo, al Castello D´Albertis a Genova, ed era rimasto molto colpito dalla figura del Capitano Enrico D´Albertis e dai suoi incredibili viaggi. Tra le tante cose interessanti viste al museo, Alessandro era rimasto molto incuriosito dal velocipede esposto nell´atrio. Questo antico precursore delle biciclette gli era piaciuto sia per l´aspetto tecnico, ma anche per l´impresa compiuta con quell´attrezzo dal Capitano nel 1872: per chi non lo sapesse, all´età di 26 anni, ci andò per una scommessa da Genova a Moncalieri, alle porte di Torino, presso il Real Collegio Carlo Alberto dove aveva studiato da ragazzino. Alessandro era rimasto molto meravigliato da questo episodio, ed è così che gli è venuta un´idea un po´ bizzarra: ripercorrere quel viaggio con la sua piccola bici pieghevole, in quattro giorni dal 29 giugno al 2 luglio,ed al ritorno concludere la sua "impresa" con una bella foto accanto a quel velocipede! Terminata l´avventura in occasione di "Pedali nella Notte" dell´11 luglio si pedalerà da Piazza de Ferrari al Castello d´Albertis dove, dopo aver ammirato il mitico velocipede del Capitano, ci sarà un incontro con i cicloviaggiatori pieghevolisti presso la caffetteria del Museo.
Fonte:www.museidigenova.it

Letto 3052 volte

Potrebbero interessarti anche

  • Alimentazione per andare bene in bici

    Con l’avvicinarsi delle belle giornate miti della primavera, molti appassionati della bici (sportivi e non), iniziano ad utilizzare con più frequenza le due ruote, magari organizzando delle lunghe pedalate, viaggi cicloturistici e allenamenti per preparare una gara.

  • Un Nobel di Pace a prova di pedale

    Se due indizi fanno una prova, le nove motivazioni sostenute da Caterpillar per riconoscere alla bici il Premio Nobel per la Pace 2016 corrisponderebbero a una certezza.

  • La bici attraverso le infografiche

    Le avete già viste sulle nostre pagine Facebook, ma averle disponibili e sott'occhio sempre non dovrebbe essere male, oltre a vederne un paio di nuove.

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.