Mercoledì, 16 Settembre 2015 19:24

Testimonial campagna FIAB

Vota questo articolo
(0 Voti)

La nuova campagna Fiab è un’iniziativa “da ritorno al passato” una proposta in cui si vuol far vivere ai bambini di oggi, la quotidianità trascorsa dai loro genitori quando erano piccoli.

Un tempo era facile muoversi in bici per compiere quei piccoli incarichi che in nostri genitori ci assegnavano, tipo andare a comprare il pane, il latte oppure andare e tornare da scuola senza essere accompagnati in auto. Nella realtà odierna, dove le auto hanno raggiunto un numero relativamente alto e le condizioni di sicurezza stradale sono più precarie che mai, tutto questo è reso quasi impossibile.
Finalmente, dopo anni di battaglie e accese discussioni, il mondo degli amanti delle due ruote può far sentire direttamente la propria voce soprattutto dopo l’elevato numero di mortalità per chi usa la bicicletta.
Grazie al dibattito sulla legge delega al Governo, per la modifica del codice della strada al cui interno sono previste diverse norme che riguardano i limiti di velocità, si può esercitare una campagna di raccolta firme per spingere il Parlamento e il Governo a recepire alcuni suggerimenti direttamente dai cittadini come ad esempio: il limite di 30 km/h per le auto che circolano sulle strade urbane.
Un modo per sentirsi più sicuri quando i bambini percorrono le vie della citta in bici.
La campagna chiede di realizzare brevi interviste se è il caso anche direttamente ai propri figli, per supportare una richiesta che potrebbe far tornare a vivere le nostre città come quelle di un tempo.
I video dovranno essere inviati entro il 25 settembre 2015.

Fonte: Fiab

Letto 2709 volte

Potrebbero interessarti anche

  • La prima pedalata non si scorda mai

    Abbandonando la suddivisione tra passato, presente e futuro, notiamo qualcosa di istintivo, nel fascino della bicicletta.

  • La bici d’inverno

    Gli amanti della bicicletta vorrebbero organizzare escursioni su due ruote anche d’inverno, bisogna però avere un abbigliamento adeguato per evitare che il freddo rovini le nostre passioni.

  • Gli enti di previdenza sociale italiani sostengono la bicicletta

    Inps e Inail i due enti di previdenza sociale italiani hanno annunciato alcune novità per la riduzione delle emissioni inquinanti, incentivando l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano. L’Inps nel corso del 2018 ha deciso di puntare sul verde per quanto riguarda la propria mobilità. 

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.