Venerdì, 16 Giugno 2017 10:12

“Manutenzione bicicletta”: semplici consigli per sostituire gli pneumatici

Vota questo articolo
(0 Voti)

A volte definire gli intervalli di manutenzione alla propria bici può sembrare un’attività difficile da stabilire. L’usura di alcune componenti quali ad esempio: i mozzi delle ruote o gli ingranaggi interni dove trovano allocazione le pedivelle, molto spesso non è determinabile ad “occhio nudo”, ma solo dopo una certa quantità di km percorsi.

Per quanto concerne la loro cura, essendo parti meccaniche molto delicate, è consigliabile rivolgersi a dei centri specializzati: smontare i pezzi richiede una competenza e l’impiego di alcune “chiavi” speciali.
Storia diversa, invece, accade per i tubolari, i copertoncini e i pattini delle ruote: il loro “consumo” oltre ad essere estremamente visibile è un fattore che può compromettere la vostra sicurezza quando siete in sella alla vostra bicicletta.
Le alte temperature dell’asfalto fanno sì che questi componenti si consumino più rapidamente.
Pertanto al fine di evitare spiacevoli inconvenienti, prima dell’arrivo della stagione estiva, vi consigliamo di fare un bel checkup sostituendo i copertoncini o i tubolari della vostra bici, con degli pneumatici a miscela dura. Nonostante il calo delle performance (l’utilizzo delle gomme a miscela morbida oltre a consentire una maggiore stabilità quando si affrontano le curve aumenta il “grip” sull’asfalto), le gomme a miscela dura hanno la caratteristica di usurarsi meno e di garantire gli standard minimi di sicurezza.
Prossimi all’arrivo della stagione estiva ecco alcune indicazione per sostituire gli pneumatici alla vostra bicicletta: sia che la vostra bicicletta abbia come dotazione dei tubolari (copertoni con annesse camere d’aria) che dei copertoncini la loro sostituzione non richiede particolari competenze.
Iniziate sempre sgonfiando le ruote e rimuovendole dalla bicicletta. Per la rimozione degli pneumatici, aiutatevi utilizzando delle leve (due) apposite (le vendono nei centri di ricambi per bici). Infilate la parte sagomata nella fessura che si crea tra il cerchio e il copertoncino, fate leva e bloccatela incastrando l’altra estremità tra i raggi. Con l’altra leva, un po’ per volta, ripetete l’operazione fino a quando non avrete fatto fuoriuscire dal cerchio la restante parte dello pneumatico.
Estraete la camera d’aria, e terminate la rimozione tirando nella stessa direzione l’altra parte di copertoncino.
Adesso inumidite con un lubrificante uno dei lati del nuovo copertoncino, e inseritelo nel cerchio aiutandovi con le solite leve. Terminata l’operazione, spingetelo verso l’estremità opposta del cerchio.
Gonfiate leggermente la camera d’aria e montatela avendo cura di inserire per prima la parte dove c’è la valvola. Adagiatela lungo tutta la circonferenza della ruota, all’interno del copertoncino, e iniziate a chiuderla bloccando l’altra estremità del copertoncino intorno al cerchio. All’inizio sarà molto semplice, ma per completare l’operazione dovrete aiutarvi con le due leve.
A questo punto potrete gonfiare le ruote a una pressione di circa 7 bar.
Nel caso in cui vi trovaste a dover sostituire dei tubolari, invece, l’operazione da effettuare e gli utensili da procurarvi saranno un po’ diversi: ovvero oltre alle solite 2 leve, ci vorrà del mastice e della carta vetrata. Iniziate l’operazione sgonfiando le ruote e rimuovendole dalla vostra bici. Quindi togliete i tubolari esercitando una pressione con le leve tra il cerchio e la parte di gomma tubolare che vi aderisce. Staccateli per bene ed eliminate eventuali residui attaccati alla superficie dei cerchioni, con la carta vetrata. Passate un canovaccio asciutto e spennellate il mastice uniformemente su tutta la superficie del cerchione. Nel frattempo che il mastice asciuga, gonfiate leggermente i tubolari e iniziate l’assemblaggio alla ruota inserendo la solita valvola nell’alloggio predisposto. Adesso, esercitando sempre una certa pressione sul tubolare, adagiate la superficie interna del tubolare alla superficie esterna della ruota.
E così via fin quando non avrete completato l’operazione. È probabile che per completare l’operazione dobbiate ricorrere ancora una volta alle leve. Una volta predisposto il tubolare, assicuratevi che sia centrato rispetto al cerchio. Verificarlo è semplice, basta che il bordo del tubolare non fuoriesca dal cerchio della bici.

(G. M.)

Letto 2334 volte

Potrebbero interessarti anche

  • Cicloturistica bassa Val Susa

    Questo percorso è di media difficoltà, ma la prima parte (quella da Avigliana a Sant’Antonino) è abbastanza semplice poiché è percorribile su una strada ciclabile.

  • La bici d’inverno

    Gli amanti della bicicletta vorrebbero organizzare escursioni su due ruote anche d’inverno, bisogna però avere un abbigliamento adeguato per evitare che il freddo rovini le nostre passioni.

  • Gli enti di previdenza sociale italiani sostengono la bicicletta

    Inps e Inail i due enti di previdenza sociale italiani hanno annunciato alcune novità per la riduzione delle emissioni inquinanti, incentivando l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano. L’Inps nel corso del 2018 ha deciso di puntare sul verde per quanto riguarda la propria mobilità. 

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.