Giovedì, 02 Novembre 2017 09:51

La “Notte stellata” di Vincent Van Gogh finisce… per strada

Vota questo articolo
(0 Voti)

L’idea dell’artista olandese Daan Roosegaarde è riuscita ad accostare l’arte alla bici: “Starry Night” (“La notte stellata”) del pittore Vincent Van Gogh a un progetto di pista ciclabile che si illumina quando fa buio, a dir poco sorprendente.

L’illuminazione della sede ciclabile è resa possibile da migliaia di piccole pietre illuminate a led tramite l’energia solare trattenuta durante il giorno.
Inaugurata a Eindhoven lo scorso anno, il Van Gogh-Roosegaarde Path ha fatto parte del programma Van Gogh 2015: una serie di eventi che si sono tenuti durante tutto il 2015 in Olanda, Belgio e Francia, per ricordare il 125° anniversario della morte di Van Gogh (1853-1890).
L’iniziativa, che non è l’unica ad aver reso omaggio al celebre pittore olandese, ha avuto un grande successo diffondendosi a macchia d’olio in quasi tutta Europa.
Nella provincia del Brabante Settentrionale infatti, proprio dove visse Van Gogh, esiste una rete di cinque percorsi per una lunghezza complessiva di 335 chilometri.
In Polonia, esattamente nella cittadina di Lidzbark Warminski, un’altra iniziativa ha preso piede tanto da far balzare la notizia sulla cronaca dei social. Una pista ciclabile a illuminazione notturna realizzata con una modalità diversa da quella olandese. Il progetto, spiega l’ing. Igor Ruttmar, non fa ricorso ad alcuna alimentazione, ma è stato messo in pratica facendo ricorso all’impiego della ben nota tecnica della fosforescenza: cristalli in grado di emettere radiazioni luminose nella giusta tonalità di colore, garantendo la sostenibilità dei materiali sviluppati e l’ottimizzazione dei costi di produzione.
Adesso, gli scienziati dell’Università di San Nicolas Hidalgo a Michoacan (UMSNH) in Messico, stanno lavorando per creare un nuovo cemento a emissione luminosa in grado di funzionare per “centinaia di anni”. Una soluzione innovativa che potrebbe catapultare il futuro di strade, autostrade, piste ciclabili e persino di edifici, in una dimensione più luminosa.

Fonte: rinnovabili.it; bikeitalia.it; bikeitalia.it

Letto 1220 volte

Potrebbero interessarti anche

  • La prima pedalata non si scorda mai

    Abbandonando la suddivisione tra passato, presente e futuro, notiamo qualcosa di istintivo, nel fascino della bicicletta.

  • La bici d’inverno

    Gli amanti della bicicletta vorrebbero organizzare escursioni su due ruote anche d’inverno, bisogna però avere un abbigliamento adeguato per evitare che il freddo rovini le nostre passioni.

  • Gli enti di previdenza sociale italiani sostengono la bicicletta

    Inps e Inail i due enti di previdenza sociale italiani hanno annunciato alcune novità per la riduzione delle emissioni inquinanti, incentivando l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano. L’Inps nel corso del 2018 ha deciso di puntare sul verde per quanto riguarda la propria mobilità. 

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie e la scomparsa di questo banner.