Giovedì, 27 Settembre 2012 12:25

La bicicletta si evolve e si libera delle catene

Vota questo articolo
(0 Voti)
Sembra incredibile! Pensavamo che la bici avesse raggiunto il massimo della sua evoluzione e invece no. Alcuni ingegneri appassionati delle due ruote hanno messo a punto un sistema che elimina addirittura la catena, rendendo la bicicletta sempre più efficiente e comoda.

Un gruppo di ingegneri ungheresi ha formulato una proposta davvero interessante. Soprannominato Stringbike, il nuovo progetto prevede la sostituzione della catena con un sistema più complesso basato su corde di polietilene ad alta densità e pulegge: un sistema simmetrico con i componenti montati su entrambi i lati, permettendo così – spiegano gli inventori – di risolvere «molti problemi». Gli ingegneri non entrano nel merito dei problemi che l'invenzione risolverebbe ed affermano che non si notano finché non si prova il nuovo sistema simmetrico. Insomma, provare per credere.

Tra i vantaggi, comunque, quello di non dover più usare lubrificanti, una maggiore durata dei componenti e la possibilità di regolare differentemente i due lati del sistema, permettendo di compensare l'eventuale presenza di una gamba più debole dell'altra. Senza dimenticare che i pantaloni non si sporcherebbero di grasso o di olio.

Una seconda proposta arriva da Dynamics Bicycles che utilizza la tecnologia Chainless – senza catena, appunto, un sistema con un albero motore che trasmette il movimento dai pedali alla ruota posteriore; tutti gli ingranaggi sono poi nascosti e ospitati in un apposito alloggiamento che fa parte del mozzo della ruota posteriore. Il sistema permette più facilità nel cambio delle marce e in qualsiasi momento: mentre si pedala, si fa marcia indietro o, addirittura, mentre si sta fermi. Inoltre, è previsto un indicatore di marcia che segnala la marcia inserita in qualsiasi momento.

Un'altra proposta in fase di ideazione – esiste solo qualche prototipo – prende il nome di Lunartic bike: sviluppata da Luca Douglas, studente della Loughborough Design School, si basa sull'utilizzo di una ruota posteriore priva di mozzo e una trasmissione a cinghia. Questo sistema dovrebbe permettere di sfruttare meglio la forza di ogni pedalata, riducendo quindi la fatica necessaria per spostarsi; qualche perplessità resterebbe sulla comodità della seduta, mancando per ora un sistema di sospensioni adeguato.

Una ulteriore novità arriva dalla Western Michigan University. Un gruppo di studenti ha presentato la BroncoBike alla Human Assisted Green Energy Vehicle competition e sono stati premiati vincendo la competizione. BroncoBike sostituisce la catena con un sistema idraulico che adopera un liquido per trasmettere il movimento della ruota; la bici è stata testata in una gara di velocità (su un percorso di 200 metri), in una di efficienza e in una di resistenza (lungo un percorso di circa 17 km), vincendo quest'ultima e guadagnando il punteggio maggiore per affidabilità e sicurezza, realizzazione, design e analisi dei costi.

Date tali premesse, ci aspettiamo grandi cose dalla ricerca.

Letto 2167 volte

Potrebbero interessarti anche

  • Alimentazione per andare bene in bici

    Con l’avvicinarsi delle belle giornate miti della primavera, molti appassionati della bici (sportivi e non), iniziano ad utilizzare con più frequenza le due ruote, magari organizzando delle lunghe pedalate, viaggi cicloturistici e allenamenti per preparare una gara.

  • Un Nobel di Pace a prova di pedale

    Se due indizi fanno una prova, le nove motivazioni sostenute da Caterpillar per riconoscere alla bici il Premio Nobel per la Pace 2016 corrisponderebbero a una certezza.

  • La bici attraverso le infografiche

    Le avete già viste sulle nostre pagine Facebook, ma averle disponibili e sott'occhio sempre non dovrebbe essere male, oltre a vederne un paio di nuove.

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.