Giovedì, 12 Novembre 2015 10:15

La bici per la messa, e la benedizione papale

Vota questo articolo
(0 Voti)

L’iniziativa potrebbe racchiudere al suo interno sobrietà, rispetto ambientale, benessere, ma anche facilità nella deambulazione, meno rumore e più tranquillità.

Sono solo alcuni degli ingredienti che l’idea proposta da Fiab “A messa senz'auto” porta con sé e che mira a coinvolgere sempre più le realtà locali. Una necessità che è stata avvertita dopo i continui e indecorosi scenari che si presentano nelle piazze di paesi e città di tutto il panorama italiano. Macchine che delimitano l’ingresso delle sacrestie, e che nella migliore delle situazioni sono tenute a debita distanza solo grazie ad appositi cordoni, catene e marmi. Per poi non parlare del traffico cittadino che si accumula nelle ore prima e dopo, la celebrazione domenicale. Insomma, una situazione che ha fatto gridare: un basta collettivo, spingendo perfino la presidente di Fiab, Giulietta Pagliaccio, ha consegnare nelle mani del sommo pontefice, il volantino di questa nuova campagna e la tessera associativa di Fiab recante il numero uno del 2016.
La notizia ha fatto molto clamore, viste le consolidate abitudini della maggior parte dei cittadini, è ha ricevuto la benedizione del Papa che nella sua enciclica “Laudato sì” dedica ampio spazio a temi di rispetto per il creato e per uno stile di vita più sobrio.
Fiab da anni s’impegna quotidianamente per rendere le città a passo di bici e in questa iniziativa, ha voluto sottolineare come il giorno della messa possa essere usato per trascorrerlo in armonia magari pedalando insieme ai propri figli.
I tragitti che solitamente collegano le abitazioni alle chiese di appartenenza territoriale sono inferiori al km, pertanto nessuna difficoltà potrebbe ostacolare questa iniziativa che è stata condivisa anche dalla curia scaligera.

Fonte: borgotrentoverona.org; fiab-onlus.it; verona-in.it

Letto 1797 volte

Potrebbero interessarti anche

  • La prima pedalata non si scorda mai

    Abbandonando la suddivisione tra passato, presente e futuro, notiamo qualcosa di istintivo, nel fascino della bicicletta.

  • La bici d’inverno

    Gli amanti della bicicletta vorrebbero organizzare escursioni su due ruote anche d’inverno, bisogna però avere un abbigliamento adeguato per evitare che il freddo rovini le nostre passioni.

  • Gli enti di previdenza sociale italiani sostengono la bicicletta

    Inps e Inail i due enti di previdenza sociale italiani hanno annunciato alcune novità per la riduzione delle emissioni inquinanti, incentivando l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano. L’Inps nel corso del 2018 ha deciso di puntare sul verde per quanto riguarda la propria mobilità. 

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.