Lunedì, 01 Luglio 2013 16:58

Bologna. Incentivi per veicoli elettrici

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Comune di Bologna dà seguito alla sottoscrizione del Protocollo d'Intesa con la Regione Emilia Romagna, per promuovere lo sviluppo di nuove strategie per un trasporto sostenibile, attraverso l'erogazione di ulteriori contributi volti a diffondere le due ruote elettriche per la mobilità urbana a Bologna. Dal 5 febbraio 2013 si replica l’iniziativa, che nel suo primo anno di attuazione ha dato ottimi risultati: sono stati distribuiti 300.000 euro per l’acquisto di 881 biciclette e 27  ciclomotori elettrici, rottamati 115 vecchi ciclomotori euro 0 ed euro 1. Ora altri 380.000 euro, messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna, sono pronti per essere distribuiti secondo le modalità sotto indicate. Sarà concesso un incentivo di: € 300,00se compri una bicicletta elettrica a pedalata assistita o un ciclomotore elettrico; € 600,00se all'atto dell'acquisto di una bicicletta a pedalata assistita o un ciclomotore elettrico, rottami il tuo vecchio ciclomotore o motociclo euro 0 o euro 1. L'incentivo è riconosciuto sul prezzo finale comprensivo di IVA e non può superare il 50% della spesa sostenuta. Possono accedere al contributo tutte le persone fisiche o giuridiche residenti o aventi sede nel Comune di Bologna. Sono escluse dal contributo imprese (e loro legali rappresentanti o delegati) rivenditrici dei veicoli oggetto degli incentivi.Gli incentivi previsti si riferiscono a veicoli nuovi di fabbrica. Ogni singolo veicolo può accedere una sola volta al contributo. Ad ogni richiedente può essere concesso un solo contributo, per anno solare (365 giorni a far data dalla presentazione della richiesta) indipendentemente dal numero di domande presentate. All’atto della presentazione della richiesta verrà consegnata una ricevuta di avvenuta presentazione, con indicate data e numero progressivo. Il fondo disponibile per contributi è pari a 380.000 euro. Con cadenza quindicinale sarà resa pubblica la disponibilità residua del fondo per l’assegnazione degli incentivi.

Fonte: Comune di Bologna

Letto 3206 volte

Potrebbero interessarti anche

  • Cavalchiamo le strade

    Domenica prossima, 11 maggio, torna per le strade di Bologna il Bikepride, la manifestazione dell’orgoglio ciclistico giunta alla quarta edizione. Quest’anno il tema della sfilata, che partirà da piazza Maggiore, sono le “invasioni barbariche“.

  • India. Le eletric bike aiutano l'economia delle zone rurali

    Le biciclette sono il mezzo di trasporto privilegiato nelle realtà rurali dell'India: le attività lavorative, spesso erranti fra villaggi diversi, sono direttamente influenzate dalla capacità di spostamento delle persone e, in questo, più si è fisicamente forti, più si è in grado di guadagnare. Per chi fa il medico o il piccolo commerciante, spostarsi vuole dire raggiungere clienti: più ci si può spostare e più clienti si possono servire. Per chi fa fatica a mettere assieme un centinaio di dollari all'anno, una bici o uno scooter elettrico possono rappresentare un salto di qualità notevole.
    "Non c'è nessuna idea di riscaldamento globale o protezione dell'ambiente in loro – dice il responsabile di un produttore di EV indiano – ciò che interessa dei veicoli elettrici è che aiutano a guadagnare di più e fanno spostare più facilmente nelle campagne, dove l'auto privata non ce l'ha nessuno".
    In alcune aree il ritmo di vendita per le due ruote elettriche è salito sino alle 600 unità al mese, non male rispetto alle 2,500 auto elettriche vendute in tutta l'India da Mahindra dal 1990 ad oggi. La stessa SMEV (Society of Manufacturers of Electric Vehicles) riporta il passaggio dalle 40,000 unità di scooter elettrici del 2009 alle oltre 100,000 del 2011: ragioni dominanti sono il prezzo, più basso di una moto tradizionale, e il costo ogni km percorso, circa un terzo di un due ruote a carburante.
    Certo, la strada per un cambiamento globale del mercato dei trasporti del gigantesco Paese asiatico è ancora lunga e disseminata di ostacoli: gli scooter elettrici costano comunque tanto per chi è nel vortice della povertà e le banche non si fidano a prestare loro soldi perché si tratta di veicoli che in India non richiedono immatricolazione e patente, dando quindi poche garanzie di rintracciabilità.

    Fonte: veicolielettricinews.it

  • Bologna. La regina delle due ruote ospitta "Bici senza frontiere"

    Sarà Bologna, la città delle due torri, ad ospitare la giornata nazionale "Bici senza frontiere": sabato 8 febbraio i ciclisti di tutt'Italia si daranno appuntamento in piazza Maggiore. L'evento è creato dall'associazione #salvaciclisti, a due anni dalla sua nascita.
    Ogni città formerà una squadra che sfiderà le altre in duelli "all'ultima bici" su un terreno di gioco su cui sono allestiti percorsi urbani. Ogni città può dare sfoggio dei suoi migliori pedalatori con ogni tipo di ciclista quotidiano, da zero a 99 anni. E come in ogni competizione che si rispetti, ci saranno prove da superare per testare la propria abilità ciclistica.
    "Bici senza frontiere" consiste in una gara in 4 prove in cui una squadra di ciclisti urbani gareggerà in bicicletta affrontando prove come portare da casa a scuola quattro bambini nel minor tempo possibile, rispondere correttamente a dei quiz, completare il percorso casa-lavoro il più in fretta possibile. Ogni squadra può contare un minimo di 9 partecipanti a un massimo di 20 (9 per la prima prova, 4 per la seconda e 7 per la terza). Le prove saranno coordinate da un capitano e contraddistinte da un particolare come una divisa o un accessorio comune.
    Più che una gara vera e propria è uno spettacolo spontaneo e aperto a tutti; per iscriversi è sufficiente consultare il sito http://bicisenzafrontiere.it/.
    Domenica 9 ci sarà una riunione per discutere sulle esperienze di cicloattivismo fatte in questi due anni nelle realtà locali e programmare gli impegni futuri.

    Fonte: bicisenzafrontiere.it

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.