Visualizza articoli per tag: mtb piemonte

A Natale regala, regalati o fatti regalare una lezione di Mtb. E' questo l'annuncio che la Scuola Nazionale Mtb – Castello di Masino OUTDOOR ha pubblicato sul proprio sito. Una proposta originale: un corso rivolto a tutti i bikers che vogliono migliorare la loro guida per divertirsi in tutta sicurezza e/o migliorare il loro bagaglio tecnico.

 

I corsi SPECIALIZZAZIONE MTB per adulti, fanno sapere gli organizzatori, "dopo il successo del 2012 vengono riconfermati e le prime 2 date del 2013 sono già state pubblicate sul sito: 13 gennaio e 10 febbraio ... per le altre date siamo in attesa dei calendari agonistici per evitare accavallamenti di impegni ma entro il mese di gennaio comunque saranno rese pubbliche sul sito".

L'offerta è valida solo dal 10 al 20 dicembre 2012: è possibile acquistare il biglietto a prezzo ridotto, 30 euro, invece di 40, per un corso organizzato nell'anno 2013 attraverso un bonifico alle coordinate bancarie riportate qui.

Gli allievi dei corsi verranno divisi in gruppi: principianti, esperti ed agonisti. A seconda delle capacità di guida la lezione prenderà in esame differenti tematiche raggruppate in varie tipologie d'esercizi, da come si affronta un ripido od una curva in sicurezza per i principianti sino ad arrivare, per il livello clinic, a come si affronta un drop, come si "pompa" una curva o come si impara ad eseguire un bunny hop o un nose press... senza tralasciare l'ABC dell'impostazione della bicicletta, soprattutto per i principianti.

I corsi SPECIALIZZAZIONE MTB si svolgono al Bike Park del Castello di Masino - Caravino (TO) o sui sentieri didattici all-mountain/enduro di Maglione (TO). Entrambe le località sono facilmente raggiungibili da Torino, Milano, Genova, Aosta...

Masino (frazione del paese di Caravino TO) è situato a 3 Km. dal casello autostradale di Albiano (TO) sulla bretella Santhià - Ivrea, a 11 Km. dal casello autostradale di Strambino sulla Torino - Aosta ed a 15 Km. dal casello autostradale di Borgo d'Ale sulla Torino - Milano. A Masino è possibile visitare il castello, dimora del Fondo Ambiente Italiano FAI.

Maglione (TO) è situato a 15 Km. dal casello autostradale di Borgo d'Ale sulla Torino - Milano, a 18 km. dalla barriera di Rondissone (TO-MI), a 4 Km. dal paese di Borgo d'Ale (VC), a 3 Km. dal paese di Cigliano (VC) ed a 2 dal paese di Borgomasino (TO).

Per maggiori informazioni sui corsi e sul calendario cliccare qui.

 

Redazione easybike

Pubblicato in IN EVIDENZA
Lunghezza: 36,05 Km
Tempo percorrenza: 5h 30'
Località di partenza: piazza della Vittoria - Sampeyre (CN)
Dislivello:
1045 metri
Difficolta': B.C.A. (medio)
Tipo: asfalto 21,28 Km (59%) - sterrato 14,77 (41%)
Periodo consigliato: da maggio a ottobre
Cartografia:
I.G.C. 1:50.000 n. 6 Monviso
Effettuato il: 29 luglio 2007
Accesso:
risalire la val Varaita con la SP8 sino a Sampeyre. Giunti al grosso cartello su fondo giallo della localita', continuare ancora per circa 1 Km sino ad un altro cartello in legno presso il quale si raggiunge in breve a destra la piazza della Vittoria
Descrizione: sicuramente uno degli anelli più conosciuti della Val Varaita con meta il Colle del Prete e poi il successivo Colle di Gilba, valico escursionistico che mette in comunicazione con la Valle Po. Dalla piazza della Vittoria di Sampeyre (parcheggio vietato nel giorno di mercato) si imbocca la stretta via Roma (0 Km - a fianco della Parrocchiale). Lasciate alle spalle le case si perviene ad una cappella dove si prende a sinistra per Becetto (0,47) che si raggiunge lasciando le varie deviazioni per Morero Inferiore (1,69 - 1,88), Morero Superiore (2,14), Stentini (2,38), una senza indicazioni (3,04), Durandi (3,27) e Dragoniere (4,06). Presso uno slargo con fontana si va a sinistra (5,43) seguendo le indicazioni per il Colle del Prete. Lasciata la deviazione per Morandi/Civalleri (5,68) si tocca gli agglomerati di Morelli (6,27) e Ruà (7,55 - 7,67). Poco dopo quest'ultimo si lascia la sterrata sulla sinistra con indicazioni Cima Crosa/Colle Cervetto (7,71) pervenendo al termine dell'asfalto. Un lungo e panoramico traverso più pianeggiante ci farà toccare diverse meire e poi il Colle del Prete (12,74 - m 1714), punto più elevato del giro. Qui sono presenti alcuni piloni ed una croce in legno. Si continua lungo la carrareccia principale lasciando la traccia che dal colle sale verso Garitta Nuova. Da qui il fondo non è sempre in buone condizioni ma si arriva senza troppi problemi al Colle di Gilba (15,65 - m 1526) dove si trova un grosso pilone. Si prosegue a destra lungo il Vallone di Gilba affrontando la parte più dissestata del percorso che costringerà saltuariamente a scendere dalla sella causa presenza di pietre smosse. Si raggiunge una strada asfaltata (17,92) dove si va a destra (dalla parte opposta conduce a Tecchiasso). Poco oltre si evita la deviazione per Vanna (18,17) affiancando poi il torrente Gilba. Superato Lantermini, si ignora la strada che sale a Ricchetta (19,00) e poi, presso un tornante, la sterrata che porta a Barra (19,38). Superato un ponte (19,45) continuare a destra lasciando la strada di fronte per S.Sisto/Chiabrandi (19,45). Evitate anche la successiva deviazione per Paris/Fontanile (19,92) e, presso un pilone, quella per Bianchi/Spagnoli (20,31). Quindi, poco dopo quest'ultima, imboccare la sterrata sulla destra (indicazioni b.ta Trumbiot/M. La Lubac) che in leggera salita porta a S. Bernardo delle Sottole (20,31). Superata la cappella (fontana nei pressi) prendere a destra (23,63). Al successivo bivio lasciare la deviazione sulla destra per Meira Cru (24,57). Superato il tornante dove si trova la cappella di S.Claudio, si ritrova l'asfalto. Passato Camposoprano evitare la strada sulla destra per Meira Gucciardi (25,83) e proseguendo sempre in discesa guadagnare la Provinciale di fondovalle (28,12 - comune di Frassino). Risalirla fedelmente (dx) sino a Sampeyre. Al cartello su fondo giallo della località, deviare a destra (35,00 - indicazioni Becetto) e dopo pochi metri a sinistra per Palazzo (35,03). Attenzione perchè c'e' un breve tratto in cui la strada è a senso vietato. Giunti sulla strada principale (35,26) si sale alla cappella incontrata all'andata (35,58) e da qui ripercorrendo la via Roma si ritorna alla piazza di partenza (36,05).
Foto: in alto, il Colle di Gilba; piu sotto, il Colle del Prete
  • Mappa:   JPG PDF (1 pagina)   PDF (3 pagine - consigliato per stampa)
  • Traccia GPS:   PLT (Oziexplorer)   KML (Google Earth)
  • sito internet
  • Fonte: MTBPiemonte
Pubblicato in altri
Lunghezza: 25,89 Km
Tempo percorrenza: 4h
Località di partenza: cimitero di Melle
Dislivello:
1000 metri complessivi
Difficolta': O.C. (difficile)
Tipo: asfalto 12,17 Km (47%) - sterrato 13,72 (53%)
Periodo consigliato: da maggio a ottobre
Cartografia:
I.G.C. 1:75.000 n. 24 Il Cuneese
Effettuato il: 7 ottobre 2007 e 20 luglio 2008
Accesso:
risalire la val Varaita percorrendo la SP8. Superata la deviazione per il Santuario di Valmala, prendere a sinistra per Melle parcheggiando sul piazzale antistante il cimitero.
Descrizione: viene qui proposta la salita al Santuario di Valmala partendo da Melle (a questo link potete invece trovare quella dalla Colletta di Rossana). Per i bivi dettagliati si raccomanda la consultazione delle mappe sottostanti. Dal cimitero (0 Km) procedere verso il paese e quindi svoltare a sx in via Crosa (0,14). Al successivo incrocio andare ancora a sinistra (0,29). Dopo circa 1 Km si incontra il fondo naturale mentre una volta giunti a Carona (3,64) si ritroverà l'asfalto. Si perde ora un po' di dislivello scendendo dapprima a Chiabreri e poi a Chiappellino (4,98). Qui si riprende a salire (a destra) e toccando le borgate Botta (5,72), Cioffrano (6,07), Spert (6,44) si perviene alla Madonna degli Ervatti (7,17). Qui si ritrova lo sterrato che ci porterà fino al Santuario di Valmala. Al piazzale parcheggio tenere la sinistra (10,86) transitando nei pressi della statua della Madonna antistante la costruzione e uscire dal cancello di ingresso (10,96). Seguire l'asfalto di fronte e poi, presso una fontana (11,14), prendere a destra raggiungendo P.so Pian Pietro (12,51 - tornante). Qui seguire la sterrata che si stacca sulla sinistra ignorando poi la deviazione sulla destra che porta verso Lemma (12,57). Seguire la direzione principale che sviluppandosi lungo la dorsale oltrepassa il Bric Uccello. Lasciata una deviazione con indicazioni a destra per Venasca (14,03) si raggiunge Pian Madama dove si scende a sinistra (14,86). Il cammino si fa presto accidentato. Al Km 15,29 attenzione ad andare a sinistra, quindi ci si immette su una strada piu' battuta (15,66). Più avanti (15,85) girare a sinistra scendendo a Chiottasso. Presso una tettoia (16,68) si va a sinistra e, lasciate le case alle spalle, si guadagna la cappella dell'Annunziata di Clot Martin (17,28). Oltre quest'ultima prendere a destra (17,35) una sterrata che snodandosi tra le case sbuca sulla provinciale (17,83). Scendere a Valmala e dinnanzi al cimitero (18,88 - sulla dx indicazioni per Rora) scendere a sinistra transitando dinnanzi al municipio. Nei pressi della chiesa si ritrova nuovamente la provinciale (19,04 - non abbiamo fatto altro che tagliare il tornante). Scendere sino ad una curva (19,79) dove si va a sinistra passando un ponte. Superata la borgata Perotti (20,51) si giunge a Chiappellino (20,91) dove si segue a destra il cammino dell'andata per rientrare al cimitero (25,89).
Foto in alto: Madonna degli Ervatti
Pubblicato in altri
Lunghezza: 28,07 Km                                                                                                                     
Tempo percorrenza: 4h 30'
Località di partenza: Colletta di Rossana (Busca - CN)
Dislivello:
855 metri
Difficolta': B.C. (medio)
Tipo: asfalto 17,67 Km (63%) - sterrato 10,40 (37%)
Periodo consigliato: da maggio a ottobre
Cartografia:
I.G.C. 1:75.000 n. 24 Il Cuneese
Effettuato il: 16 settembre 2007
Accesso:
uscire da Rossana lungo la SP46 in direzione Busca fino alla Colletta di Rossana. Poco oltre quest'ultima parcheggiare sullo slargo di fronte al bivio per Eremo/S.Stefano.
Descrizione: facile anello che sfrutta per la salita la Strada dei Cannoni e con meta il Santuario della Madre della Misericordia di Valmala, costruito a metà '800 su progetto dell'architetto Galfrè sul luogo dove la Vergine apparve più volte ad alcuni pastorelli. Per i bivi dettagliati utilizzare la mappa. Dallo slargo (0 Km) si risale alla Colletta e quindi si imbocca a sinistra la Strada Vecchia di Valmala (0,19). Seguire la direzione principale e, poco prima del Colle Liretta, imboccare la strada a sinistra con indicazioni "Volo Delta" (6,50) che si trasforma presto in sentiero. Pochi metri da fare a spinta e poi si arriva al punto di lancio del parapendio che è anche uno splendido punto panoramico (6,69). Continuare sul sentiero che riporta alla strada principale (6,95). Superare quindi il Colle Liretta (7,02) dove si tiene la destra. Evitare quindi le deviazioni sulla destra che portano verso Lemma (7,49 - 8,89) e approviggionarsi d'acqua, se necessario, alla  Fontana Fredda (9,83). Giunti a Passo Pian Pietro (10,36) seguire l'asfalto in discesa verso il Santuario. Giunti dinnanzi al medesimo (11,90) entrare dentro la recinzione e uscirne a sinistra ritornando indietro sino a Passo Pian Pietro (13,59). Qui seguire lo sterrato prendendo al primo bivio a destra (13,66) e subito dopo a sinistra (13,71). Poco oltre svoltare a destra (13,95) affrontando alcuni tornantini e poi un rettilineo sino ad un quadrivio dove si svolta tutto a destra (15,35). Proseguire sempre in discesa sino a Lemma passando davanti alla chiesa di S. Marco (18,41). Continuare lungo la SP240 sino a Molino della Valle dove si gira a destra (24,14) per Viulan. Più avanti andare a sinistra (24,52) seguendo sempre le indicazioni per S.Anna. Si arriva così alla omonima cappella (25,45) posta in mezzo ad un bel prato. Scendere quindi a Mungiat e poi raggiungere la SP46 (27,01). Seguirla a destra sino al punto di partenza (28,07).
Foto in alto: Santuario di Valmala
  • Mappa:   JPG PDF (1 pagina)   PDF (2 pagine - consigliato per stampa)
  • Traccia GPS:   PLT (Oziexplorer)   KML (Google Earth)
  • sito internet
  • Fonte: MTBPiemonte
Pubblicato in altri
Lunghezza: 38,14 Km (solo andata)
Tempo percorrenza: 8h
Località di partenza: Colletta di Rossana (Busca - CN)
Dislivello: 1910 m complessivi (1790 andata + 120 ritorno)
Difficolta': O.C. (difficile)
Tipo: asfalto 9,36 Km (25%) - sterrato 28,78 (75%)
Periodo consigliato: da maggio a ottobre
Cartografia: I.G.C. 1:75.000 n. 24 Il Cuneese - 1:25.000 n. 111 Valle Maira Accegglio
Effettuato il: settembre 2007 (fino al Colle Birrone) - 27 luglio 2008 (dal Colle Birrone al Colle di Sampeyre)
Accesso: uscire da Rossana lungo la SP46 in direzione Busca fino alla Colletta di Rossana. Poco oltre quest'ultima parcheggiare sullo slargo di fronte al bivio per Eremo/S.Stefano.

Descrizione: l'itinerario si propone di percorrere la militare "Strada dei Cannoni" di Ignazio Bertola (fino al Colle di Sampeyre), detta anche "Napoleonica", che si snoda lungo la dorsale che separa le valli Varaita e Maira. Si tratta di un giro piuttosto corposo: sono oltre 76 km se si include il ritorno. Si è preferito rientrare utilizzando la strada dell'andata per limitare al minimo la percentuale di asfalto. L'inizio (fino al Passo Pian Pietro) coincide con il percorso Santuario di Valmala. Si può eventualmente prendere spunto da quest'ultimo sia per fare una visita al Santuario sia per utilizzare come variante il rientro per Lemma. Per i bivi dettagliati utilizzare sempre la mappa. Dallo slargo (0 Km) si risale alla Colletta e quindi si imbocca a sinistra la Strada Vecchia di Valmala (0,19). Seguire la direzione principale e, poco prima del Colle Liretta, imboccare la strada a sinistra con indicazioni "Volo Delta" (6,50) che si trasforma presto in sentiero. Pochi metri da fare a spinta e poi si arriva al punto di lancio del parapendio che è anche uno splendido punto panoramico (6,69). Continuare sul sentiero che riporta alla strada principale (6,95). Superare quindi il Colle Liretta (7,02) dove si tiene la destra. Evitare quindi le deviazioni sulla destra che portano verso Lemma (7,49 - 8,89) e approviggionarsi d'acqua, se necessario, alla  Fontana Fredda (9,83). Giunti a Passo Pian Pietro (10,36) seguire l'asfalto in salita passando poco distanti dal Colle di Valmala (12,21) e toccando poi il Colle di Palmascura (14,18) e quello della Ciabra (15,63) dove termina l'asfalto. Sul colle, lasciare la diramazione che si stacca sulla destra, e quindi seguendo il cammino principale, un po' accidentato, affrontare il lungo traverso che conduce al crocicchio del Colle Birrone (23,48), presso il quale si trova una croce in ferro. Si prosegue diritto con il fondo molto rovinato causa presenza pietre (in alcuni tratti occorre spingere la bici) per circa 4 Km. Quindi si toccano con alcuni leggeri saliscendi il Collet Rusciera (29,03), il Colle Rastcias (31,46), la Bassa dell'Ajet (36,26) ed infine, dopo aver aggirato il Cugn di Goria, si guadagna in leggera discesa il colle di Sampeyre (38,14) dove incrociamo la strada asfaltata che mette in comunicazione Sampeyre con Stroppo.
Foto in alto: Colle della Ciabra

Pubblicato in altri

Legenda difficoltà bici da corsa

  • Legenda difficoltà BICI DA CORSA
    Legenda difficoltà BICI DA CORSA

    Difficoltà: La valutazione della difficoltà dei percorsi in bici da corsa prende in considerazione la lunghezza e il dislivello del percorso.

Scala cicloturismo in MTB

Legenda difficoltà trial

  • Legenda difficoltà TRIAL
    Legenda difficoltà TRIAL

    Singletrail-Skala: comprende sei gradi di difficoltà che vanno da S0 fino a S5 e valuta esclusivamente le difficoltà tecniche che riguardano un sentiero, sia esso pianeggiante, in salita o in discesa.

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie e la scomparsa di questo banner.