Lunedì, 17 Febbraio 2014 10:33

Il Museo del ciclismo "Gino Bartali" in pericolo

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Museo del ciclismo "Gino Bartali" è un museo di Firenze situato in via Chiantigiana 175, in zona San Piero a Ema. Ma da un pò di tempo sulla propria home page appare un messaggio a dir poco allarmante.

"Questa è la prima foto di biciclo che intendiamo mettere in vendita per far fronte alle necessità economiche necessarie alle spese di trasferimento del Museo, poichè gli Enti proprietari dell'immobile intendono allontanarci". Il museo attualmente non è visitabile, in quanto gli Enti suddetti ci hanno comunicato che l'Associazione, in quanto custode del museo non è autorizzata a farlo visitare.
Pertanto chi è interessato a prendere visione del biciclo Michaud per l'eventuale acquisto deve fiisare un appuntamento telefondo alla segreteria dell'Associazione: 055.6461272 - 347.6279787"

Il museo è composto da tre sale espositive vere e proprie, una sala lettura, una sala audio/video e un archivio. La prima sala è dedicata a Gino Bartali e ai suoi cimeli, tra cui coppe vinte dal grande ciclista, una maglietta da gara e altri oggetti da lui posseduti. La seconda sala è dedicata a altri ciclisti (con le loro biografie e varie maglie), mentre la terza presenta un'interessante raccolta di biciclette d'epoca, tra cui quelle appartenute a grandi campioni come Giuseppe Olmo, Fausto Coppi, Antonio Maspes.
Nella sala audio/video vengono testimoniati vari aneddoti, raccontati spesso dalle registrazioni dei diretti interessati.

www.ciclomuseo-bartali.it

Letto 2927 volte

Potrebbero interessarti anche

  • Nimega: biciclette e caffe' storici

    Una delle città più antiche dei Paesi Bassi ospita il Velorama, museo unico nel suo genere. Costruita sul fiume Waal, circa 20 chilometri a sud di Arnhem, è famosa per essere stata dichiarata meta per lo shopping più varia di tutta l'Olanda e vanta un nutrito numero di caffè, il che la rende molto popolare non solo tra gli olandesi ma anche tra i turisti.

    La città ospita diversi musei e resti che risalgono all'epoca romana, tra questi anche il Velorama, ovvero il Museo Nazionale della Bicicletta, che si trova all'interno di un edificio storico. Visitare il Velorama significa avere la possibilità di ammirare un'esposizione unica con modelli di bici che ne abbracciano tutta la storia dal 1817. Il museo, si struttura su tre piani e presenta 250 esemplari di varie epoche, tra cui quelli della collezione privata del fondatore Gertjan Moed. Biciclette provenienti da Inghilterra, Francia, Germania e America illustrano la storia di questo veicolo, dalla prima draisina senza pedali e mossa dall'azione dei piedi sul suolo fino alle biciclette da cross e VTT contemporanee. Una saletta è dedicata alle famose biciclette olandesi, antiche e moderne (Burgers, Scholte, Fongers, Locomotief, Gazelle, Simplex). Tra le chicche da scoprire alcuni esemplari appartenuti alla Casa Reale, tra cui la bicicletta pieghevole Fongers.

    Informazioni
    Velorama
    Waalkade 107, Nijmegen
    Tel: 024 322 58 51
    www.velorama.nl

    Fonte: La Stampa, viaggi.michelin.it

  • I fiorentini da oggi potranno trasportare la propria bici in tramvia

    Un cartello sui tram, annuncia le modalità del servizio di trasporto delle biciclette. Finalmente i fiorentini potranno trasportare la propria bici in tramvia. Ne dà l'annuncio il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, in un post sul social network Facebook. All'interno dello stesso un commento sulla serata in tv a Piazza Pulita.  Ma  ciò che incuriosisce maggiormente i fiorentini, è sicuramente la novità riguardante la due ruote. "Abbiamo vinto la battaglia contro Sua Maestà la Burocrazia - afferma il sindaco sul social network - e finalmente sarà possibile portare la bici sul tram. Tra poco l'annuncio ufficiale, credo che il servizio sarà possibile già dalla settimana prossima".

    Il consigliere per la bici, Giampiero Gallo, sul suo profilo Facebook rende merito al presidente Eros Cruccolini: "Dopo anni di tentativi ce l'abbiamo fatta grazie anche a Eros Cruccolini. Bici sul tram a Firenze"

    Limitati gli orari del servizio, che escludono due ampie fasce orarie di "punta": dalle 7:00 alle 10:00 e 17:00 alle 20:00. Sabato e domenica il trasporto è sempre consentito.

    Fonte: www.stamptoscana.it

  • Firenze si prepara per i Mondiali di ciclismo

    La Regione Toscana si prepara ad accogliere nel mese di settembre i Mondiali di ciclismo e la questione della mobilità durante l’evento, in particolare di quella legata ai mezzi pubblici su ferro e su gomma, diventa cruciale.

    Intanto sulle strade cittadine già dalla prossima settimana verranno attivati alcuni provvedimenti a seguito dell’avvio dei lavori di risanamento delle pavimentazioni stradali in vista dell'evento. Il primo “pacchetto” di lavori prenderanno il via tra lunedì 13 e giovedì 16 maggio e riguarda alcune strade del lotto B (zona Cascine e poi centro storico) e altre del lotto D (Campo di Marte-San Domenico-Bolognese-viale Don Minzoni-viale dei Mille Piazza della Libertà). La chiusura notturna del cavalcavia delle Cure, i divieti di transito in via Salviati e la chiusura alternata di una semicarreggiata in via delle Cascine: questi alcune delle misure attive da lunedì.  Le modifiche alla circolazione saranno molte e articolate: l’amministrazione fa appello ai cittadini perché prestino particolare attenzione alla segnaletica in loco e tengano presente che in questo periodo di lavori i normali tempi di spostamento possono essere dilatati.

    Per sapere di più vai sul sito

    Fonte: www.nove.firenze.it

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.