Visualizza articoli per tag: mobilità sostenibile

La Direzione Generale per la sicurezza stradale del Ministero Infrastrutture e Trasporti, accogliendo una proposta della FIAB, ha dato parere positivo alla circolazione in bicicletta nei due sensi di marcia nelle strade a senso unico. Tale soluzione tecnica può essere applicata "su strade larghe almeno 4,25 metri, in zone con limite di 30 km/h, nelle zone a traffico limitato e in assenza di traffico pesante". Praticamente nella stragrande maggioranza dei centri urbani delle nostre città.
Il Presidente della FIAB, Antonio Dalla Venezia dichiara: "Siamo veramente soddisfatti e ringraziamo il Ministero per questa apertura verso la mobilità ciclistica. Ha finalmente prevalso il buon senso. E' evidente che la FIAB ha avuto ragione a battere sullo stesso chiodo. Da anni chiedevamo di consentire, nei centri urbani, il doppio senso di marcia nelle strade a senso unico. Alcuni comuni virtuosi e coraggiosi, come Reggio Emilia, hanno introdotto già questa soluzione che, di fatto, consente al ciclista di usufruire di tragitti più brevi, evitando di seguire i sensi unici pensati esclusivamente per le auto e che portano il ciclista a fare giri molto più lunghi. Praticamente una maniera per scoraggiare l'uso della bicicletta".
Ma cosa è successo in concreto? Lo spiega Enrico Chiarini, ingegnere, uno dei responsabili dell'Area Tecnica della FIAB: "La mia tesi, che porto avanti da anni, è che in attesa di un aggiornamento normativo fosse possibile comunque fare un passo in avanti promuovendo la conversione di alcuni sensi unici a doppio senso limitato alle biciclette, concedendo una direzione a tutti i veicoli e due esclusivamente alle biciclette. In Europa questa è una pratica molto diffusa. Basta girare nel resto d'Europa, per esempio, per vedere applicato sulla palina del segnale stradale delle strade ad un senso di marcia, un cartello integrativo con la scritta "eccetto bici". In Italia alcuni comuni hanno già adottato tale soluzione sia su strade singole che su intere zone dei centri storici regolati come le "Zona 30". Ma si tratta di mosche bianche. Il Ministero, finalmente, dando parere favorevole alla nostra proposta, pur con prescrizioni compatibili con i contesti urbani, di fatto ha offerto alle amministrazioni locali un nuovo strumento a favore del traffico ciclistico. Ma non è tutto. L'applicazione di tale soluzione consentirà il completamento a basso costo della rete ciclabile urbana di molti comuni italiani e di fatto offrirà al ciclista interessanti alterative a strade fortemente trafficate".
Per tutti gli approfondimenti tecnici: http://fiab-areatecnica.it/mobilita-ciclistica-urbana/sensi-unici/424-controsenso-in-bici-finalmente-prevale-il-buon-senso.html
Lello Sforza
Ufficio Stampa FIAB onlus
(Federazione Italiana Amici della Bicicletta)
Tel. +39 3200313836
Fax +39 0805236674
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fonte: http://www.fiab-onlus.it
Pubblicato in IN EVIDENZA
Giovedì, 05 Aprile 2012 10:48

Bicintreno 2012

Come ogni anno si rinnova la collaborazione FIAB -  Trenitalia per l’organizzazione della Giornata Nazionale Bicintreno.
Anche questo anno si potranno portare le bici gratis sui treni lunedì 9 aprile, giorno di Pasquetta.
In tutta Italia, le associazioni locali FIAB, promuoveranno escursioni treno + bici per visitare molti luoghi di interesse naturalistico, culturale e storico. Qui sotto il programma.
La novità del 2012 è l’adesione alla giornata  di Trenord, nata dalla fusione fra Trenitalia e Le Nord, nuovo operatore ferroviario nella Regione Lombardia. Anche sui treni di Trenord sarà possibile trasportare le bici gratuitamente a Pasquetta.
Per informazioni: Giacomo Scognamillo - referente nazionale FIAB per i rapporti con le imprese di servizio ferroviario: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel: 335-1514550

Fonte: http://fiab-onlus.it/treno/bicintreno2012.htm

Pubblicato in IN EVIDENZA
Lunedì, 02 Aprile 2012 09:17

BicinCitta'. Bici elettrica a pedalata assistita

Città sempre più a misura d'uomo grazie alla riduzione del traffico e alla mobilità sostenibile, grazie anche alla diffusione della bicicletta elettrica a pedalata assistita offerte a noleggio e con incentivi. Una soluzione green che permette di accedere liberamente alle zone a traffico limitato (ZTL) delle nostre città.
A far da traino nelle nostre città il bike sharing elettrico che nell'ultimo periodo ha affiancato il tradizionale bike sharing. Nei giornio scorsi a Padova è stato inaugurato il servizio BicinCittà che con i suoi 14 cicloposteggi automatici dispone di 250 bici, di cui 50 bici elettriche a pedalata assistita. Il costo prevede, soli 50 cent di euro dalla seconda mezz'ora di utilizzo.
In precedenza era stata la volta della città di Varese che in centro ha collocato ad inizio 2012 otto postazioni che offrono biciclette elettriche a pedalata assistita. Il prossimo anno le stesse colonnine di ricarica saranno a loro volta dotate di celle fotovoltaiche, che renderanno il servizio ancora più sostenibile. 

Fonte: http://sologreen.myblog.it

Pubblicato in IN EVIDENZA
Lunedì, 02 Aprile 2012 09:09

Cosa imparare sulla bici dalle citta' europee

In un mondo in cui, nonostante la crisi, milioni di persone si interrogano quotidianamente su quale modello di auto comprare, l'imminente arrivo della primavera mi ha spinta a dare una chance alla cara, vecchia bicicletta. E' stato subito amore: con un piccolo sforzo quotidiano, infatti, mi sono liberata dalla dipendenza cronica dagli autobus perennemente in ritardo, ma soprattutto dai costi insostenibili dei parchimetri italiani.

leggere di più

Fonte: http://www.greenme.it

Pubblicato in IN EVIDENZA

A bari sono in arrivo 14 nuove piste ciclabili per una lunghezza di 12.942 metri. Lo ha annunciato nel pomeriggio il consigliere incaricato del sindaco per la Mobilità sostenibile Antonio Decaro. Molti percorsi sono già in via di realizzazione, altri in fase di aggiudicazione. Le  piste saranno realizzate nelle prosimità di via Emanuele Mola, che prevede una pista di 55 metri, la più corta delle 14, realizzata da Rete Ferroviaria Italiana,  via Prezzolini, via Caldarola, la zona del Polivalente, via Gentile (davanti alla nuova sede regionale), la parallela di via dei Caduti Partigiani, via Escrivà, largo don Franco Ricci, il tratto di strada tra corso Carboneria, corso Mazzini e via Perrone che collegherà il Palazzo di Giustizia a piazza Garibaldi, gli spazi interni ai comparti 1-2-3 di Sant'Anna e la zona del San Paolo nei pressi dell'ospedale.. La pista più lunga, invece, sarà quello parallelo al ponte Asse Nord-Sud, già in fase di realizzazione, con una lunghezza di 2.875 metri.
Le piste ciclabili, che saranno complessivamente avviate entro la fine dell'anno, sono finanziate con fondi privati, attraverso gli accordi di programma sottoscritti per riqualificare il tessuto urbano, dei ministeri dell'Ambiente e dei Lavori pubblici, dell'assessorato regionale all'Urbanistica e del Comune di Bari.

Fonte: http://bari.repubblica.it

Pubblicato in IN EVIDENZA
Giovedì, 29 Marzo 2012 10:16

Piani Urbani della Mobilita' Sostenibile 2012

Il 13 aprile 2012 presso il Palazzo del Mezzogiorno – Fiera del LevanteBari, la Regione Puglia, in collaborazione con l’EACI (Executive Agency for Competitiveness & Innovation) della Commissione Europea, ha organizzato  il workshop internazionale “SVILUPPARE E IMPLEMENTARE I PIANI URBANI DELLA MOBILITA’ SOSTENIBILE”
L’iniziativa si propone di diffondere le Linee Guida europee sulla redazione dei Piani Urbani della Mobilità Sostenibile, presentare le strategie regionali in merito e favorire lo scambio di esperienze.

Programma completo

Fonte: http://www.cremss.puglia.it

Pubblicato in IN EVIDENZA

ECF (European Cyclists’ Federation), FIAB, Legambiente,  Cities for Cyclists e Nuova Mobilità chiede ai Sindaci di tutta Italia di impegnarsi per promuovere la ciclabilità nelle loro città partendo dal coinvolgimento diretto delle Amministrazioni Comunali che dovrebbero adoperarsi al loro interno e con i soggetti con i quali interagiscono per favorire uno shift modale verso la bicicletta.

Studio dell'ECF
Carta delle città in bici

Fonte: http://nuovamobilita.wordpress.com

Pubblicato in IN EVIDENZA
Giovedì, 15 Marzo 2012 10:55

New York :sempre piu' bike friendly

Arriva la Primavera, foriera di bel tempo e voglia di riversarsi in strada. Magari in bicicletta, in nome di una moda che sta prendendo sempre più piede a New York grazie anche agli oltre 1.100 km di piste ciclabili della città statunitense. La Grande Mela si prepara quindi alla stagione migliore per mettersi in sella e godersi lo spettacolo di una delle destinazioni storicamente più gradite dai turisti di tutto il mondo. Il più atteso appuntamento per i ciclisti è il Five Boro Bike Tour, in programma il 6 maggio 2012, che rappresenta il più grande evento di questo genere negli Stati Uniti ed è aperto ogni anno a 32.000 partecipanti. Non a caso, New York si sta attrezzando con un numero sempre maggiore di soluzioni: tour organizzati su due ruote, numerosi punti dove noleggiare una bici e tanti hotel bike-friendly. Dall'estate 2012, inoltre, grazie al Bike Share Program sarà possibile scegliere una delle 7.000 biciclette disponibili nelle 600 stazioni alimentate ad energia solare in giro per la città, 24 ore su 24, e riconsegnarla nella stazione più vicina alla propria meta di arrivo. Grazie a speciali app per smartphone sarà poi possibile localizzare le stazioni e conoscere la disponibilità di biciclette in tempo reale. Anche gli alberghi si adeguano diventando sempre più bike-friendly: ne è un esempio l’Element New York Times Square (http://www.elementtimessquare.com/), aperto nel 2011 e certificato LEED che si trova a poca distanza da Central Park e dall’Hudson River con il suo percorso ciclabile che corre lungo il fiume. Anche Ink48 (http://www.ink48.com/), a un isolato dal fiume, offre questo servizio ai suoi ospiti, che possono utilizzare gratuitamente le biciclette parcheggiate proprio di fronte all’hotel. A Soho, invece, gli ospiti dell’elegante The James (http://www.jameshotels.com/) possono noleggiare gratuitamente biciclette Public, progettate dal designer Rob Forbes.

Fonte: www.turismo.it

 
Numerosi sono i tour in bicicletta organizzati in giro per la città. Bike and Roll (http://bikeandroll.com/newyork/) propone un Day Pass grazie al quale è possibile prelevare e riconsegnare la propria bicicletta in diversi punti sparsi per New York City, e tanti tour guidati, per ogni livello di preparazione. Infine, Bike the Big Apple (http://bikethebigapple.com/) offre insoliti tour in bicicletta tra i quartieri della Grande Mela.
Pubblicato in IN EVIDENZA
Mercoledì, 14 Marzo 2012 09:50

Reggio: il pony-express e' ecologico

A Milano, esistono già da qualche anno. Adesso, i "pony ecologici" sono arrivati anche a Reggio. Claudio Bassi ha 46 anni e vive a Reggio. Tutte le mattine in sella alla sua bicicletta speciale consegna i pacchi nel centro storico. Sul suo progetto eco-sostenibile scommette anche Sda. Infatti l’energia che usa per muoversi è indiscutibilmente green: è la forza dei suoi muscoli che spingono sui pedali.
La bicicletta è dotata di porta pacchi extra-large. Questo mestiere se lo è inventato all’incirca due anni fa aprendo la ditta Bike Messenger e, nel corso dell’ultimo anno, è entrato nel pieno dell’attività. Con grande successo. Tanto che il noto corriere Sda ha iniziato con lui una collaborazione: la prima sperimentazione del genere in Italia.
Claudio dice: «Il mio è un servizio di consegne in città. Usando solamente la bicicletta. Lavoro prevalentemente con clienti del centro storico, come uffici, negozi, ma anche privati. Intanto, dalla necessità di reinventarsi, dopo tanti anni passati nel commercio. Tenendo conto delle esigenze del centro storico, che come tutti i centri storici ha più problemi riguardo alla mobilità e le consegne. L’Italia, naturalmente, arriva sempre per seconda. All’estero su progetti del genere sono già attivi, come negli Stati Uniti da dove io stesso ho tratto ispirazione. Ma anche qui l’idea funziona. Sono arrivato a 1.200 consegne al mese. Nel periodo di Natale, in particolare, si lavorava fino a tardi. Le mie consegne vanno dalla spesa che i negozi recapitano a casa ai clienti o ad altre esigenze del genere di uffici e privati. Vengo contattato dai clienti attraverso e-mail e telefono. Non ho un ufficio. E la mia giornata è scandita dagli spostamenti. Mi muovo solo sul Comune di Reggio. Vuol dire che posso andare da Rivalta a Cadé, sempre in bicicletta. Anche se ho calcolato che il raggio di movimento principalmente è di sette chilometri attorno al centro cittadino».
Fonte: gazzettadireggio.gelocal.it
Pubblicato in IN EVIDENZA
Martedì, 13 Marzo 2012 11:14

Bologna si lancia nella mobilita' sostenibile

Molte città italiane da tempo promuovono servizi alternativi per gli spostamenti.
E’ il caso ad esempio della città di Bologna dove dal 2005 è partito il progetto “Gli amici della bici“: tutti coloro che preferiranno muoversi in bici avranno diritto al gonfiaggio gratuito delle ruote. Si distribuiscono inoltre i depliant “Bologna Voglia di Bici” con tutte le piste ciclabili della città e i servizi offerti ai ciclisti. In aggiunta a questa iniziativa, dal 2008 è prevista una rete di ricarica pubblica per le biciclette a pedalata assistita. Il progetto, chiamato CaricaBici, consente a tutti i possessori delle marche Bixy, Dinghi, Frisbee, Italwin e Wayel di ricaricare la batteria ad una delle stazioni predisposte al prezzo simbolico di 0,50 centesimi. Entrambe le campagne sono organizzate dal comune di Bologna in accordo con ASCOM, CNA e Confartigianato.
Ma le campagne di sensibilizzazione non finiscono qui perchè è previsto anche un bonus di 600 euro per tutti coloro che decideranno di acquistare uno scooter elettrico o una bicicletta a pedalata assistita. Si parte da 300 euro per coloro che faranno un nuovo acquisto, mentre si arriva a 600 se si aggiunge anche la rottamazione di uno scooter euro 0 o euro 1. L'accordo è stato raggiunto tra il comune di Bologna e la regione Emilia-Romagna, in occasione della settimana europea della mobilità sostenibile.
Per il momento l'iniziativa è rivolta ai soli residenti della città di Bologna, ma si pensa che presto potrebbe estendersi a tutta la regione Emilia-Romagna se si raggiunge l'obiettivo di vendita di 1000 biciclette.

Fonte: www.tuttogreen.it

Pubblicato in IN EVIDENZA

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie e la scomparsa di questo banner.