Visualizza articoli per tag: economia

Giovedì, 03 Ottobre 2013 08:03

Bikenomics: la bicicletta che solleva l'economia

È quasi impensabile per gli italiani rendere la bicicletta il mezzo di trasporto più diffuso, un po’ per la fretta quotidiana, un po’ per pigrizia, un po’ per praticità. Tuttavia impegnarsi ardentemente nella causa della bicicletta è una realtà che si potrebbe concretizzare con l’impegno e con un’attenzione particolare ai vantaggi che da essa derivano: vantaggi per l’ambiente, ma anche per l’economia, locale soprattutto. In città, sostituire ad esempio molti parcheggi per auto con quelli per bici, realizzare piste ciclabili laddove l’auto è regina non solo renderebbe più vivibile il centro abitativo ma aiuterebbe chiunque a stare più in sintonia con l’ambiente circostante senza dover sopportare eccessivamente il traffico: la salute delle famiglie, così come l’umore di ogni singolo cittadino, accoglierebbero positivamente tale cambiamento in modo da impiegare meno soldi nella cura della salute. L’ambiente stesso risulta essere l’indicatore naturale di quanto sia vantaggioso investire nella bicicletta. Ma la bicicletta non offre “solo” vantaggi per quanto riguarda la salute o per la riduzione dell’inquinamento, ma si dimostra essere un canale efficace in termini di contributo all’economia, specie l’economia locale, al punto che in America è stato coniato il termine Bikenomics, da fusione delle parole bike, bicicletta ed economics. Questo per due ragioni principali: in primo luogo usare più la bici significa risparmiare e aumentare il reddito disponibile per i consumi locali. In secondo luogo, muoversi in bici nel proprio quartiere / città e non usare la macchina per fare acquisti magari a decine di chilometri di distanza, ci costringe a scoprire meglio e privilegiare l’offerta più vicino alla nostra residenza. Si pensi che in uno stato medio-grosso degli USA, il Wisconsin, uno studio parla di una bike economy, di un impatto economico, turistico in primis, della bicicletta, che da solo vale 1,5 miliardi su base annua per lo Stato. Insomma, bicicletta vuole dire più soldi che restano nella comunità: partendo dalle realtà più immediate come il fatto che l’utilizzo della bicicletta per recarsi al lavoro migliora chi la utilizza di conseguenza il datore di lavoro vedrà più profitti o che lasciando l’auto in garage, e girando la città pedalando, i negozi della città risulterebbero essere un’attrattiva maggiore. La comunità, inoltre, vedrebbe destinarsi più soldi dato che i cittadini non si impegnerebbero più grosse somme per la benzina, le assicurazioni e per l’acquisto dell’auto.

Fonte: dedonno.net

Pubblicato in IN EVIDENZA
Martedì, 18 Dicembre 2012 11:58

Milano. I pendolari lasciano l'auto e vanno in bici

Che a MIlano sia in aumento la tribù dei ciclo-pendolari, ovvero di coloro che al lavoro vanno in bicicletta, è dimostrato da due dati contenuti nell'undicesimo censimento annuale di Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta) Ciclobby, che rileva il numero dei passaggi di bici all'interno della cerchia dei Navigli in una giornata lavorativa tipo (dalle 7.30 alle 19.30).

Il primo è facile facile: dei 34.100 passaggi registrati nelle 20 postazioni distribuite all'ingresso della cerchia, 7.748, ovvero poco più di uno su cinque, è avvenuto tra le 7.30 e le 9.30. Il secondo: la postazione più frequentata è Buenos Aires, dove sono stati contati 4.977 passaggi giornalieri. Di questi, l'81% preferisce il corso, tanto che le bici sono il 14,92% dei mezzi in strada (contro il 56% di auto e il 29% di moto), mentre il 19% l'asse delle vie Morgagni-Cadamosto-Spallanzani.

Non è solo la predispozione dei ciclisti a percorrere la strada più diritta né la scarsa segnaletica con cui, all'altezza di piazza Lima, si indica la presenza del percorso dedicato a un solo isolato di distanza, ma anche una componente di pragmatica milanesità a «fare alla svelta». Un comportamento, questo evidenziato dalla ricerca di Fiab Ciclobby, presentata alla Commissione ambiente del Comune di Milano, utile a chi deve pianificare la vita dei ciclisti.

Secondo quanto osservato dai 90 volontari dell'associazione che ai primi di ottobre ha effettuato il censimento, i passaggi dentro e fuori la cerchia dei Navigli sono aumentati del 3,02% rispetto al 2011. Un incremento timido rispetto a dodici mesi fa, quando si registrò un +7,25% sul 2010. Secondo Valerio Montieri, del gruppo tecnico Fiab Ciclobby, «il dato può essere stato influenzato dalle cattive condizioni meteo della seconda metà di settembre. Per la prima volta abbiamo dovuto effettuare il censimento a ottobre, dopo una serie di giornate di pioggia».

Comunque, rispetto a dieci anni fa, quando iniziò il rilevamento, la strada dei ciclisti è in salita, ma in senso positivo: +34% dei passaggi. È il miglior dato di sempre. Nella classifica degli ingressi prediletti dai milanesi, corso Buenos Aires è seguita dalla vicina porta Venezia (rilevazione in via Senato), poi Beltrami (area Castello), Vittoria, porta Romana, via Correnti e San Vittore. I flussi si concentrano nelle ore di punta, con picchi nelle fasce 8.30-9.30 e 18-19.30. Come per l'auto, l'imbuto di bici si crea ai bastioni di porta Venezia, 2.256 passaggi di cui 2.016 in arrivo da Baires (rilevazione all'incrocio viale Tunisia) che poi si disperdono sino ai 1.619 registrati a Cairoli.

Aumenta del 6% l'uso del bike sharing, con le migliori performance alla stazione di Minghetti (zona Cadorna). Alfredo Drufuca, ingegnere, ha presentato per la società Polinomia uno studio pluriennale in cui si evidenziano i flussi stagionali delle bici, con una curva crescente da gennaio a maggio. Drufuca osserva che, nonostante i dati positivi, Milano è lontana dall'obiettivo del 15% di mobilità ciclistica che dovrebbe raggiungere entro il 2030 e che abbatterebbe le emissioni di 250mila cittadini. Il consiglio è uno solo: pedalare.

by Luca Zorloni - Il Giorno

Pubblicato in IN EVIDENZA
Che la bicicletta sia un toccasana per le economie locali non è più un segreto: periodicamente si conducono studi a riguardo che lo dimostrano con evidenza. L'ultima ricerca sul cicloturismo in Europa ad esempio, condotta in occasione della Settimana Europea della Mobilità, ha rivelato che il settore porta benefici per circa 44 miliardi di euro.

 

Qualche giorno fa sono state invece le associazioni League of American Bicyclists e Alliance for Biking & Walking a stilare un rapporto mostrando il ritorno economico derivante dall'uso della bicicletta (sia a livello turistico che urbano) negli Stati Uniti a livello locale, analizzandolo per i singoli Stati. 904 milioni di dollari per il Wisconsin, più 409 milioni per risparmio sulle spese mediche, 400 milioni per l'Iowa, 60 milioni per la sola zona costiera dell'Outer Banks, nel North Carolina, sono solo alcuni dei dati pubblicati.

Darren Flusche, uno dei coautori della ricerca, ha dichiarato che questi numeri e statistiche hanno un obiettivo preciso, quello di convincere le attività commerciali locali ad accettare di buon grado gli interventi in favore della ciclabilità, su tutti la realizzazione di corsie ciclabili anche all'interno dei centri abitati, che spesso vedono i commercianti contrapporsi, timorosi che la perdita di parcheggi per le automobili possa causare un calo del passeggio davanti alle vetrine. Al contrario è proprio la pedonalizzazione che invoglia il passeggio eppure – sostiene Flusche – senza questi dati convincere i negozianti sarebbe un'impresa.

Altro aspetto rilevante della questione è la creazione di posti di lavoro attorno allo sviluppo del settore della bicicletta: uno studio dell'anno scorso condotto da Heidi Garrett-Peltier del Political Economy Research Institute ha rivelato infatti che ad un investimento di 1 milione di dollari in infrastrutture corrispondono in media 11,4 posti di lavoro, contro i 10 portati da opere di pedonalizzazione, e i 7,8 da interventi stradali.

Flusche riconosce d'altra parte che la situazione negli Stati Uniti è molto varia: non c'è ancora uno sviluppo omogeneo delle politiche per la ciclabilità ma queste hanno un buon riscontro soprattutto in alcune "roccaforti" degli States, tra cui Portland, nell'Oregon, Boulder, nel Colorado, e Devis, in California. Altre realtà in crescita sono Memphis e Chattanooga, nel Tennessee.

Fonte: amicoinviaggio.it 

Pubblicato in IN EVIDENZA

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.