Mercoledì, 31 Ottobre 2012 10:17

Da Piacenza a Mirandola, in bici per solidarieta'

Vota questo articolo
(0 Voti)
Il gruppo di cicloviaggiatori piacentini partirà giovedì primo novembre da Piacenza per arrivare a Mirandola, in provincia di Modena, una delle zone in Emilia più colpite dal terremoto. Con tre carrelli trasporteranno tre biciclette, acquistate grazie al contributo dell'associazione Run&Bike di Zibello, La Orsi Bike di San Nicolò, La Misericordia di Piacenza e il circolo Arci Tuxedo di Piacenza.

 

A Mirandola le bici saranno consegnate all'associazione "Folgore", che ha individuato tre bambini ai quali regalare le biciclette.

Un piccolo e umile contributo da parte nostra - spiega l'organizzatore Marco Toscani- Con questa iniziativa non abbiamo certo la pretesa di scuotere le coscienze delle persone, ma per lo meno di proporre una riflessione che non sia banale o scontata. Una riflessione che prenda una strada diversa da quella trafficata dall'individualismo, dall'egoismo, del "tutti contro tutti" o "si salvi chi può", situazioni ormai quotidiane. E' proprio nelle difficoltà che sarebbe più intelligente unirsi anziché "zappare solo nel proprio orto".

Il gruppo di sette ciclisti, prima di arrivare a Mirandola farà tappa a Zibello per il pernottamento e poi a Guastalla.

"Un pensiero a pedali" – dice ancora l'organizzatore - è un'iniziativa che unisce l'utile al dilettevole. L'utile è senz'altro la possibilità di regalare un sorriso a tre bambini, con un piccolo gesto come questo, la donazione di

tre biciclette. La parte dilettevole è che, rispetto a quelli che facciamo, questo è un brevissimo viaggio, ma che senz'altro saprà regalarci emozioni importanti. L'iniziativa non ha alcuno scopo propagandistico, non è sponsorizzata da personaggi famosi né promette niente di sconvolgente. Solo un gruppo di amici che ha deciso, senza alcun sottotesto, di portare un sorriso, anzi, tre.

Chi vorrà potrà unirsi al gruppo e accompagnarli anche solo per un breve tratto. Si ritorna a casa con il treno domenica 4 novembre. Per informazioni potete scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o seguire il gruppo su facebook nella sezione eventi del primo novembre: un pensiero a pedali.

Fonte: piacenza24.eu

Letto 2454 volte

Potrebbero interessarti anche

  • Naviki: percorsi in rete

    E' uno dei siti, nonchè delle app più utilizzati per calcolare e pianificare percorsi sulla due ruote. Un pò Google Earth, un pò Google maps, Naviki, rappresenta un valido strumento per progettare le proprie ecursioni cicloturistiche e non solo.

  • Roma? Una vera bellezza se la percorri sulle due ruote

    Urban trek: dieci passeggiate, a piedi o in bicicletta, esplorando la capitale attraverso le sue aree verdi. E' questo è l'intento di Carlo Coronati, escursionista e maestro elementare, che, per le edizioni Il Lupo, ha scritto "Roma una vera bellezza".

    Itinerari da realizzare che svelano una Roma monumentale e silenziosa che si cela dietro le foglie collegando giardini, parchi e stradine silenziose. 10 proposte a 360° che si integrano e si collegano sfruttando al massimo i mezzi pubblici. La prima mossa è spogliarsi degli abiti dell'automobilista, che legge città e collegamenti solo attraverso le grandi arterie, e vestire quelli del camminatore o del biker che dilata il suo tempo e non pensa alla meta, ma si gode lo spostamento.

    Ogni percorso presenta una scheda con la lunghezza del percorso, la durata, il punto di partenza e di arrivo, le fermate di metro e bus più vicine, la percentuale di itinerario nel verde e nelle aree urbane, i luoghi di interesse, sempre a metà tra natura e monumenti.

    Roma è la città più verde d'Europa. Verdissima, ben oltre le aspettative. Un libro dove trovare un'idea forte e diversa di questa città. Un'idea alternativa di città per chi è ancora curioso e vuole ritrovare il tempo di una chiacchierata e di un incontro non previsto facendosi accompagnare dalle ombre dagli alberi e dagli squarci di azzurro. Una vera bellezza.

    Fonte: Repubblica, escursionista.it

  • LAGO GIGNOUX O DEI 7 COLORI

    Accesso: da Cesana si percorre la SS 24 del Monginevro in direzione Claviere. Percorsi 2,3 Km (dal bivio per Sestriere) si incontra, sulla sinistra, la sterrata con indicazioni Sagna Longa / Lago dei 7 colori. In questo punto è sufficientemente larga da consentire il parcheggio dell'autovettura. 

    Descrizione percorso: fino al Colle Bercia la salita è piuttosto facile e su fondo in buone condizioni. Procediamo lungo la strada militare, affrontando tornanti seguiti da lunghi traversi, che si sviluppano in boschi di conifere. Giunti a Sagna Longa, ignoriamo la deviazione per Claviere / Val Gimont , quella per il Lago Nero, passando la cappella Madonna della Neve. Arriviamo al cartello della località Colle Bercia: il colle vero e proprio si trova più a monte e non viene toccato dal nostro itinerario. Trascurata via Pic de Rochebrune, oltrepassiamo l'albergo-bar-ristorante "la Montanina". Nei pressi di un piazzale, lasciamo via Colle Bercia (che prosegue verso la Val Gimont e Claviere) tenendo la sinistra (via Col Saurel ) e proseguendo subito dopo diritto: a sinistra si possono raggiungere i laghi Foiron, la capanna Mautino e il Lago Nero. La strada si restringe e diventa dissestata, transitando poco al di sopra del Lago Granet: completamente asciutto. Altre deviazioni per il Lago Nero, sempre sulla sinistra, si incontrano più avanti. Seguire sempre la pista principale ignorando altri sentieri laterali. Si passa uno sperone di roccia, lasciandolo sulla destra, pervenendo al Poggio Brusailles, punto panoramico sulla Val Gimont. Alle nostre spalle il Roc La Luna. Dopo alcuni saliscendi (notare sulla sinistra il piccolo lago Saurel), la strada gira attorno alla erbosa Cima omonima entrando in territorio francese: un cartello segnala il confine. Il Lago Gignoux (m 2329) è ormai vicino: con una ripida discesa si arriva alla sponda. Al ritorno si ripercorre un breve tratto fatto all'andata fino al Poggio Brusailles, dopo di che si effettua la bellissima e tecnica discesa che viene fatta durante la gara della Clavierissima. Giunti a Claviere si segue la SS 24 fino al punto di partenza.

     

    Lago Sette Colori (2400)

    Partenza: bivio Sagna Longa lungo la SS 24 (1500 mt)

    Dislivello: 1100 mt.

    Distanza: 26 km.

    Difficoltà: OCA. Ciclabilità salita: 100%

    Ciclabilità discesa: 99%

    Effettuato: settembre 2007

    Informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Per consultare la mappa dettagliata cliccare qui.
     

    Fonte: firebikemtb.it

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.