Mercoledì, 20 Febbraio 2013 10:09

CICLOTURISMO IN TOSCANA

Vota questo articolo
(0 Voti)

La filosofia del cicloturismo consiste nello stare bene insieme, vedere posti che conservano un incanto unico, particolare e rilassarsi. Viaggiareinbici.it organizza – dal prossimo 6 aprile fino al 19 maggio – una serie di tour in bicicletta per tutti quelli che amano o vogliono avvicinarsi al cicloturismo. Viaggi in bici alla scoperta delle campagne toscane, delle tradizioni culinarie e della storia delle città che sono state la culla del Rinascimento.

 

WEEK END IN BICI NEL CHIANTI
Il 6 e 7 aprile 2013 viaggiareinbici.it propone un week end in bici con percorsi interamente su strada che attraversano le colline del Chianti, la Val d'Elsa e le colline di Firenze. Si visiterà, inoltre, la meravigliosa abbazia di Badia a Passignano e il paese di Greve in chianti, per tornare, attraverso una bellissima strada immersa nel verde a Firenze. Dai Centri storici ai monumenti, dai mercati alle piazze fino ai musei. I percorsi si sviluppano su territori collinari. Per questo motivo, anche se le tappe sono abbastanza brevi e non vi sono salite eccessivamente lunghe, il continuo saliscendi del percorso richiede una certa pratica cicloturistica e l'aver già percorso itinerari di almeno 40 km.

TOSCANA IN BICI:I BORGHI MEDIEVALI
Il 20 e 21 aprile 2013 week end in bicicletta da Firenze a Siena: Un viaggio nel cuore della Toscana alla scoperta di una delle regioni più belle d'Europa, immersa tra dolci colline e piccoli borghi ricchi di storia. Il giro partirà nelle giornate di sabato e domenica; il percorso è interamente su strada asfaltata, salvo un paio di chilometri di strada bianca ma ben battuta. La prima tappa condurrà da Firenze al famoso borgo medievale di San Gimignano, passando dalle colline della val d'Elsa. La seconda tappa del tour porterà fino a Siena, attraverso le verdi colline del senese e i caratteristici borghi medievali. Questa seconda tappa prevede un breve tratto di strada sterrata ma ben battuta che segue l'affascinante sentiero della via Francigena.
Iscriversi entro il 4 marzo a soli 110€
Clicca qui per iscriverti al tour! 

NEL CUORE DELLA VAL D'ORCIA IN BICI
Dal 2 al 5 maggio, quattro giorni alla scoperta di uno dei paesaggi più fotografati del mondo. Le vaste praterie, le colline, i borghi arroccati, la produzione di uno dei migliori vini al mondo, le calanche che si alternano al verde dei vitigni e il paesaggio del monte Amiata rendono la Val d'Orcia una delle zone più belle e affascinanti del mondo e meta ideale per escursioni in bicicletta. Il percorso si sviluppa interamente su strade asfaltate ed è adatto a qualunque tipo di bici. Lasciata Siena si prosegue attraverso un meraviglioso percorso cicloturistico che vi porterà nel paese di Montalcino, dove si alloggerà, in pieno centro, con possibilità di visita a una cantina e degustazione di vino. La seconda tappa del tour prevede il passaggio nel cuore della Val d'Orcia, attraverso il monastero Gregoriano di Sant'Antimo e tutta l'area del Monte Amiata. La terza tappa porterà invece a conoscere ed esplorare i borghi più caratteristici della Val d'Orcia con possibilità di pernottamento in hotel 3 stelle con piscina. La quarta e ultima tappa condurrà al borgo medievale di Buonconvento attraverso i paesi di Chiusure, San Giovanni d'Asso e soprattutto il bellissimo monastero di Monte Oliveto Maggiore.
Iscriversi entro l'11 marzo a soli 279€.
Clicca qui per iscriverti al tour! 

GIRO DEL CHIANTI CLASSICO: Vacanza in mountain bike.
Dal 16 al 19 maggio vacanza in bici alla scoperta del Chianti più genuino, in un percorso misto che attraversa le strade bianche della via dell'eroica, strade secondarie asfaltate e spettacolari passaggi nelle colline del Chianti Classico, fra meravigliosi vigneti e piccoli borghi ricchi di tradizioni e storia. Il ciclo tour toccherà l'abbazia di Badia a Passignano, il paese di Panzano, il piccolo borgo di Volpaia, Radda in Chianti, il Castello di Brolio, Gaiole in Chianti e i più importanti e prestigiosi vigneti del Chianti Classico. Dal centro storico di Firenze si raggiungeranno le colline attraverso strade secondarie e una meravigliosa pista ciclabile che taglia tutta la val d'Elsa. Il percorso si sviluppa per molti chilometri su strade sterrate e sentieri di bosco. Le tappe non sono troppo lunghe (45-55 km) e i tratti di fuoristrada non particolarmente tecnici, ma il dislivello delle tappe e la tipologia del percorso richiedono un buon allenamento e una certa pratica con la mountain bike.
Iscriversi entro il 1 aprile a soli 279€.
Clicca qui per iscriverti al tour!

Fonte: viaggiareinbici.it

Letto 3804 volte

Potrebbero interessarti anche

  • Groninga. Citta' delle biciclette (VIDEO)

    A Groninga (nel nord dei Paesi Bassi, 190mila abitanti) il 50 per cento degli spostamenti in città avviene in bicicletta, al punto da essere nominata la Città Ciclabile per eccellenza in Olanda, è sicuramente in bicicletta
    A partire dagli anni settanta l'amministrazione cittadina ha realizzato una serie di progetti che hanno scoraggiato l'uso dell'auto a favore della bici. Il risultato è che oggi a Groninga ci sono 75mila macchine e circa 300mila biciclette. La bicicletta a Groninga è il mezzo di trasporto più pratico per andare al lavoro, a scuola, all'università o a fare acquisti in centro. Grazie a oltre 145 km di piste ciclabili che scorrono lungo tutte le arterie del traffico, Groninga è a ragione una città importante per i ciclisti.
    "Le aziende devono incoraggiare i loro dipendenti a non usare la macchina e ci sono vari modi per farlo: possono mettere dei parcheggi coperti per le bici, delle docce oppure degli armadietti. Alcune offrono abbonamenti al trasporto pubblico o dei bonus per chi non usa la macchina. L'ideale, però, è rendere difficile parcheggiare", spiega il professor Greg J. Ashworth dell'università di Groninga in questo video realizzato da Streetfilms, che produce documentari sul trasporto sostenibile.


    Fonte: www.internazionale.it

  • India. Le eletric bike aiutano l'economia delle zone rurali

    Le biciclette sono il mezzo di trasporto privilegiato nelle realtà rurali dell'India: le attività lavorative, spesso erranti fra villaggi diversi, sono direttamente influenzate dalla capacità di spostamento delle persone e, in questo, più si è fisicamente forti, più si è in grado di guadagnare. Per chi fa il medico o il piccolo commerciante, spostarsi vuole dire raggiungere clienti: più ci si può spostare e più clienti si possono servire. Per chi fa fatica a mettere assieme un centinaio di dollari all'anno, una bici o uno scooter elettrico possono rappresentare un salto di qualità notevole.
    "Non c'è nessuna idea di riscaldamento globale o protezione dell'ambiente in loro – dice il responsabile di un produttore di EV indiano – ciò che interessa dei veicoli elettrici è che aiutano a guadagnare di più e fanno spostare più facilmente nelle campagne, dove l'auto privata non ce l'ha nessuno".
    In alcune aree il ritmo di vendita per le due ruote elettriche è salito sino alle 600 unità al mese, non male rispetto alle 2,500 auto elettriche vendute in tutta l'India da Mahindra dal 1990 ad oggi. La stessa SMEV (Society of Manufacturers of Electric Vehicles) riporta il passaggio dalle 40,000 unità di scooter elettrici del 2009 alle oltre 100,000 del 2011: ragioni dominanti sono il prezzo, più basso di una moto tradizionale, e il costo ogni km percorso, circa un terzo di un due ruote a carburante.
    Certo, la strada per un cambiamento globale del mercato dei trasporti del gigantesco Paese asiatico è ancora lunga e disseminata di ostacoli: gli scooter elettrici costano comunque tanto per chi è nel vortice della povertà e le banche non si fidano a prestare loro soldi perché si tratta di veicoli che in India non richiedono immatricolazione e patente, dando quindi poche garanzie di rintracciabilità.

    Fonte: veicolielettricinews.it

  • Vento. L’Italia in bicicletta lungo il fiume Po

    Il documentario "Vento. L'Italia in bicicletta lungo il fiume Po", un diario di viaggio di Paolo Casalis, Pino Pace e Stefano Scarafia, è uscito ufficialmente l'8 gennaio. Il doc racconta gli otto giorni necessari a cinque progettisti per attraversare l'Italia in bicicletta seguendo il corso del fiume Po, da Torino a Venezia. I protagonisti di questa affascinante passeggiata sono Paolo Pileri, Diana Giudici, Alessandro Giacomel, Chiara Catarozzolo e Ercole Giammarco, che hanno percorso i 630 km (in otto giorni e 15 tappe) per dimostrare la fattibilità di quella che potrebbe essere la ciclabile più lunga d'Italia e una delle più lunghe d'Europa, un progetto che significherebbe migliaia di nuovi posti di lavoro, green economy, sviluppo sostenibile, al costo di soli 2 km di autostrada.
    Un viaggio dalle Alpi all'Adriatico attraverso quattro regioni e lungo tutta la Pianura Padana, che diventa l'occasione per raccontare un pezzo d'Italia da una prospettiva inedita. Un viaggio dalle Alpi all’Adriatico attraverso quattro regioni e lungo tutta la Pianura Padana, che diventa l’occasione per raccontare un pezzo d’Italia da una prospettiva inedita. Un road movie su due ruote tra città d’arte, paesaggi e persone profondamente cambiati in questi ultimi 50 anni. Per chi volesse avventurarsi in questo road movie su due ruote il documentario è già disponibile in DVD o via streaming.

    info

    Fonte: http://filmvento.wordpress.com/

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.