Stampa questa pagina
Lunedì, 30 Luglio 2018 09:38

Comuni ciclabili 2018: l’iniziativa per città amiche delle bici

Vota questo articolo
(0 Voti)

È nuovamente possibile per i Comuni italiani partecipare al progetto Comuni Ciclabili. Da qualche giorno è stata annunciata da FIAB l’apertura delle candidature per l’assegnazione della bandiera gialla della ciclabilità.

Riparte dopo il successo riscosso nello scorso hanno. I numeri parlano chiaro FIAB ha assegnato la bandiera della ciclabilità italiana a 69 comuni, riconoscendo e valutando l’impegno di ciascuno in politiche e interventi concreti per lo sviluppo della mobilità in bici nelle città. Comuni Ciclabili si pone come primo obiettivo quello di incentivare i territori a fare sempre meglio per agevolare la scelta della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano. Per questa seconda edizione la validità del riconoscimento Comune Ciclabile diventa biennale. I Comuni possono sottoporsi al giudizio della FIAB, che assegnerà loro una bandiera con da 1 a 5 bike smile, a indicarne il grado di ciclabilità. Come dovrebbe essere ormai noto, per promuovere l’uso della bici non basta fare piste ciclabili: i criteri scelti da FIAB per assegnare i bike smile riflettono questo concetto grazie alla loro complessità. Gli indicatori scelti dalla Federazione Italiana Amici della Bicicletta sono oltre trenta, racchiusi in undici aree di valutazione relative a quattro ambienti tematici:
•    Cicloturismo, viene valutato se il comune ha infrastrutture dedicate ai cicloturisti, ad esempio percorsi cicloturistici segnalati, senza tralasciare la presenza dei servizi, come: assistenza, guide, presenza di bike hotel;
•    Mobilità urbana, la valutazione è fatta soprattutto sull’esistenza di piste ciclabili e in particolare al collegamento tra le stesse, se sono state adottate misure di limitazione del traffico automobilistico in città (ZTL, aree pedonali) o della sua velocita (Zone 30);
•    Comunicazione e promozione, l’impegno del comune nel sostenere la bicicletta come mezzo agli spostamenti in città, con iniziative atte ad avvicinare i cittadini al mondo delle due ruote;
•    Governance, la valutazione verste se l’amministrazione partecipante al progetto, abbia adottato misure volte a ridurre il tasso di motorizzazione e alla pianificazione della mobilità urbana.
Per vedersi assegnata la bandiera il comune dovrà possedere almeno 3 dei requisiti sopra elencati e richiesti da FIAB. Se in possesso dei requisiti le amministrazioni locali che si iscrivono al progetto entro settembre, riceveranno la bandiera gialla entro l’anno.

Info
http://www.comuniciclabili.it

Letto 1260 volte

Potrebbero interessarti anche