Stampa questa pagina
Giovedì, 02 Novembre 2017 10:01

La nuova "era ciclabile" è realizzata con asfalto green e hi-tech

Vota questo articolo
(0 Voti)

Ancora una storia di cooperazione e di successo ecologico. É questo il messaggio che emerge dalla realizzazione del nuovo tratto di pista ciclabile green e hi-tech di Roma.

Grazie alla partnership tra Ama e Iterchimica è stato possibile creare una pavimentazione ciclabile con asfalto riciclato che consente la propria lavorazione a basse temperature, con un conseguente risparmio di energia e riduzione dei vapori bituminosi, e di aumentare la vita delle pavimentazioni. Il tratto di pista, in totale circa 500 mt, è stato realizzato lungo le sponde del Tevere tra Piazza del Fante e Ponte del Risorgimento, su di una pavimentazione abbastanza sconnessa.
Il colore rossastro conferito alla massa d’asfalto, in sintonia con l’ambiente urbano circostante, è stato realizzato con dell’ossido rosso: un materiale completamente ecocompatibile che non emette nessun odore sgradevole. Gli additivi usati per garantire l’adesione tra il bitume e il pietrisco, soluzione fondamentale per l’utilizzo dell’asfalto già usato, sono stati realizzati dalla Iterchimica: l’azienda made in Italy che da oltre 50 anni è leader nel campo. Mentre la Ama Spa, l’azienda detentrice del brevetto per la realizzazione di un prodotto derivato da rifiuti solidi urbani (MB: Mineralized Biomass) che consente il recupero della Fos (Frazione organica stabilizzata) in uscita dagli impianti di Trattamento meccanico biologico (Tmb) si è occupata di trasformare la Fos in base per la pista ciclabile. Insomma un esempio di infrastruttura ecosostenibile che potrebbe costituire un valido esempio per il risanamento ambientale senza ulteriore consumo di materie prime. La soluzione adottata ha creato grande soddisfazione anche tra i tutti i sostenitori del progetto che, nel presentare i dati dell’opera, hanno dato la loro disponibilità a proseguire la cooperazione per nuovi sviluppi ecosostenibili. Speriamo che questa iniziativa possa diventare “un faro nella notte” per un lungo viaggio ciclabile!

Fonte: iterchimica.it; comune.roma.it; focus.it;

Letto 1720 volte

Potrebbero interessarti anche