Mercoledì, 16 Gennaio 2019 09:35

La bici d’inverno

Vota questo articolo
(0 Voti)
Photo by Bryan Goff on Unsplash Photo by Bryan Goff on Unsplash

Gli amanti della bicicletta vorrebbero organizzare escursioni su due ruote anche d’inverno, bisogna però avere un abbigliamento adeguato per evitare che il freddo rovini le nostre passioni.

Partiamo dal fatto che per utilizzare la bici anche nelle stagioni più fredde, bisogna sforzarsi un pochino, anche con abbigliamento molto tecnico di freddo se ne prende parecchio. Se quindi il clima invernale non vi scoraggia potrete organizzare dei percorsi in bicicletta tutto l’anno, è importante avere un abbigliamento adeguato che vi ripari dal freddo senza però appesantirvi troppo.
Per prima cosa dobbiamo calcolare il nostro budget di spesa, ai neofiti, chi quindi si sta avvicinando alla bicicletta da poco, consiglio di non spendere subito molto denaro; si possono avere delle accortezze tali per cui si può comprare del materiale tecnico unito a dell’abbigliamento che abbiamo già nell'armadio come ad esempio delle calzamaglia di lana o dei pile.

La parte fondamentale dell'abbigliamento per chi va in bici è il pantaloncino, che dovrà avere un buon fondello, ossia la parte del sedere che appoggia sulla sella. Per questo capo sconsiglio vivamente di comprare materiale scadente a basso costo, in media un buon paio di pantaloncini corti con bretelle costano dai 40 ai 70 euro. È importante sceglierli con le bretelle perché senza, quando pedalerete, vi cadranno o si sposteranno dandovi fastidio. Fondamentale che il fondello, anallergico ed imbottito, non abbia cuciture a vista che potrebbero irritare la pelle, considerando che si indossano senza l'intimo.
L’acquisto di un buon paio di pantaloncini non vi proteggerà le gambe dal freddo, per ripararvi potrete indossare, sopra i pantaloncini, una calzamaglia pesante. Se poi apprezzerete la escursioni invernali su due ruote allora nel vostro abbigliamento sportivo potrà rientrare anche una salopette invernale da ciclista, il costo qui sale e si aggira intorno ai 130/150 euro.

Per tutto il resto dell'abbigliamento, si può scegliere quello che si vuole, vestitevi sempre a strati o a cipolla, in modo tale che possiate svestirvi facilmente quando sentite caldo.
Se non vi infastidisce andare in giro come palombari un po' goffi si può pedalare tranquillamente con spese limitate, cercate magari di fare gite nelle ore più calde della giornata, in modo tale da non soffrire tanto il freddo e evitare di essere molto vestiti.Deve essere chiara una cosa: avere un abbigliamento a strati e non un abbigliamento tecnico con i tre 3 capi: salopette, maglietta termica e giacca, limita i movimenti, sarete un po' più impacciati, ma questo non vi impedirà di divertirvi.

Ricordate in inverno di indossare i guanti (anche qui il pail ha un costo limitato, il tecnico un costo più alto), e non dimenticate di avere gli occhiali con lenti neutre per gli occhi soprattutto in discesa. Consiglierei inoltre un passa montagna, tipo quelli da moto, molto utile per riparare i polmoni dall'aria gelida che respirerete mentre si pedala. Per completare il vostro abbigliamento è indispensabile il casco, mi raccomando indossatelo sempre.
Per quanto riguarda i calzari non è necessario avere scarpe con gli attacchi, soprattutto per chi è alle prime armi sarà sufficiente indossare una comoda scarpa da ginnastica. Potreste pensare di montare sulla vostra bicicletta dei pedali double shot, che vi permetteranno di poter pedalare con le scarpe da ginnastica semplici o con quelle con l’attacco rapido.
Adesso il vostro abbigliamento è completo, quindi potete cominciare le vostre gite invernali, ricordatevi che per spendere molti soldi c’è sempre tempo e anche se non indossate i modelli appena usciti potete essere tranquillamente dei validi ciclisti, fondamentale è il divertimento.

C. P.

Letto 554 volte

Potrebbero interessarti anche

  • La prima pedalata non si scorda mai

    Abbandonando la suddivisione tra passato, presente e futuro, notiamo qualcosa di istintivo, nel fascino della bicicletta.

  • Gli enti di previdenza sociale italiani sostengono la bicicletta

    Inps e Inail i due enti di previdenza sociale italiani hanno annunciato alcune novità per la riduzione delle emissioni inquinanti, incentivando l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano. L’Inps nel corso del 2018 ha deciso di puntare sul verde per quanto riguarda la propria mobilità. 

  • Bici in Treno

    La Commissione Trasporti e Turismo del Parlamento Europeo, ha approvato una bozza di regolamento per rendere obbligatoria la presenza di almeno otto posti per biciclette sui treni europei.

Itinerari

Tuttobike

Tutto quello che serve agli appassionati delle due ruote, punti vendita, assistenza, riparazioni e abbigliamento.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti!


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie e la scomparsa di questo banner.
Leggi l'informativa estesa Accetta Rifiuta